Diego Capolongo, 28 anni, di Roma: è uno degli aggrediti in piazza della Repubblica la notte di San Silvestro
Diego Capolongo, 28 anni, di Roma: è uno degli aggrediti in piazza della Repubblica la notte di San Silvestro

Firenze, 5 gennaio 2018 - È passata alla storia come il salotto letterario fiorentino con i suoi eleganti palazzi e gli storici caffè, veri punti di ritrovo di artisti e intellettuali, ambienti dove la discussione culturale e politica era di casa. Oggi piazza della Repubblica è forse il luogo di ritrovo per eccellenza di ‘quelli della notte’, teenager e ventenni sempre più protagonisti della movida fiorentina. «Da alcuni anni la piazza è diventata uno spazio di socializzazione, qui la sera si ritrovano bande di ragazzi. E come succede sempre dove ci sono assembramenti, c’è chi alza più il gomito e chi vuole mettersi in mostra» racconta Gianluca Picci, titolare da 20 anni della giostra di piazza della Repubblica.

Lui la notte di Capodanno era aperto, «fino alle quattro, però non ho visto niente...». Niente dell’orrore che ha attraversato per una manciata di minuti piazza della Repubblica dove, intorno alle 4 del primo giorno del 2018, almeno cinque ragazzi sono stati pestati a sangue, senza nessun motivo, molto probabilmente da un gruppo di nordafricani ventenni. Intanto, dai racconti delle vittime emergono estremi che fanno ricondurre quanto accaduto a un fenomeno che è stato importato dagli Stati Uniti, il ‘knockout game’ che è tutto fuorché un gioco.

CONSISTE nel picchiare all’improvviso, far male ai passanti senza nessuna ragione. Ma piazza della Repubblica non è nuova ad aggressioni di questo tipo, almeno secondo la denuncia di una donna che nel corso di un’assemblea sulla sicurezza del mese di novembre prese la parola per segnalare la presenza di notte di ragazzini che si divertivano così, sparando botte nel mucchio. «Girano tanti ubriachi dopo una certa ore, a volte questi ragazzi così gonfi perdono la testa» aggiunge Hossein, il venditore di rose che ha salvato Gaia, la ragazza livornese di 25 anni, che è stata accerchiata da una ventina di ragazzi proprio in piazza della Repubblica.

Anche dietro l’aggressione a Gaia nessun motivo, solo il desiderio stupido di un branco di ragazzini di divertirsi. «Non abbiamo avuto mai problemi in prima persona, a volte ci è capitato che clienti ci segnalassero la presenza di giovani un po’ alterati... In ogni caso ci auguriamo che la piazza torni a essere vivibile. L’immagine della nostra città al mondo dipende dalla sicurezza» dice Carlo Borghigiani, direttore dell’Hotel Pendini. Il ‘knockout game’ ricorda per certi versi un’altra moda demenziale sperimentata dai giovanissimi, la ‘nek nomination’, la folle e assurda sfida lanciata sui social. Una specie di Grande Fratello della sbronza: ti riempi di alcol, ti filmi nelle vesti di «super eroe» e poi condividi il video sui social taggando altre tre persone. I tre nominati nel giro di 24 ore dovranno ingoiare lo stesso quantitativo di alcol. Così l’impresa si ripete e i video diventano virali.