Nardella con gli idranti sul sagrato di Santa Croce (New Press Photo)
Nardella con gli idranti sul sagrato di Santa Croce (New Press Photo)

Firenze, 1 giugno 2017 - L’effetto bagnato dura giusto dieci minuti, il tempo di capire che le pietre sono di nuovo asciutte e che le scalinate della Basilica di Santa Croce sono di nuovo pronte per il bivacco. In effetti il caldo di questa sorta di anticipo dell’estate, non ha mollato un istante e le pietre in una manciata di secondi hanno cominciato ad asciugarsi.

Così i passanti hanno cominciano a risedersi di nuovo. Due ragazze le prime coraggiose, poi una coppia. Nel giro di mezz’ora è tutto come prima. Sembra di assistere a una sorta di guardie e ladri dai contorni piuttosto grotteschi. Perché alla fine dei conti i bivacchi sul sagrato resistono comunque, la baraonda infernale si registra lo stesso. Non solo. Proprio mentre gli uomini di Alia sotto gli occhi del sindaco Nardella usavano gli idranti per evitare bivacchi nelle scalinate davanti a Santa Croce, i turisti come dimostra la foto qui sopra, si spostavano sugli scalini laterali della basilica, continuando a bivaccare come se niente fosse. Una battaglia impari.