Sport Cosa fare Politica Economia Cultura Spettacoli

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano Nazionale il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo Economia e Lavoro Salus Luce!

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Nardella "primo violino" al Sanremo dei politici di RadioRai: che duetto con la Mussolini

Il sindaco di Firenze e i divertenti siparietti della sfida canora organizzata dalla trasmissione "Un giorno da pecora"

Nardella e Alessandra Mussolini sul palco

Firenze, 8 febbraio 2019 - Una sviolinata bipartisan a Matteo Renzi e Alessandra Mussolini. Oltre all'esecuzione dell'inno della Fiorentina. E' stato un pomeriggio di certo simpatico, che per una volta ha unito i politici di tutto l'arco parlamentare quello organizzato dalla fortunata trasmissione di RadioRai "Un giorno da pecora". Che ha organizzato un Festival di Sanremo in cui a cantare sono stati i politici.

"Primo violino" dell'orchestra non poteva che essere il sindaco di Firenze Dario Nardella, da sempre appassionato dello strumento. Di livello anche la giuria, che vedeva tra gli altri schierati Carlo Conti e Massimo Giletti.

Per la cronaca ha vinto il sottosegretario Siri, che ha sbaragliato la concorrenza con una notevole esecuzione di "Perdere l'amore" nelle elimintatorie. Ma i siparietti non si sono contati. Il sindaco ha accompagnato tutte le performance: da quella di Alessandra Moretti e Alessia Morani a quella di Alessandra Mussolini. Che il primo cittadino ha affiancato durante la finale, dove la Mussolini è arrivata seconda appunto alle spalle di Siri. Il tutto condito dalle gag dei conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro