Ambulanza (foto di repertorio)
Ambulanza (foto di repertorio)

Vicchio di Mugello (Firenze), 4  dicembre 2018 -  La procura di Firenze ha chiuso le indagini per la morte di Sofia Salomoni, la 22enne di Londa (Firenze) morta il 28 gennaio scorso dopo essere caduta in un dirupo da un'altalena costruita artigianalmente in una casa di campagna a Vicchio del Mugello.

 

Nella foto sotto: Sofia Salomoni 

Sofia Salomoni

Oltre al proprietario dell'abitazione e al figlio, iscritti sul registro degli indagati dalla pm Ester Nocera già nelle prime fasi dell'inchiesta, risulta indagata con l'accusa di omicidio colposo anche un'infermiera di 46 anni in servizio alla centrale operativa del 118 di Firenze. Secondo l'accusa la donna, responsabile di definire il tipo di intervento ottimale, avrebbe omesso di inviare sul posto l'elisoccorso, ignorando il protocollo operativo della Regione Toscana che ne prevede l'invio in caso di 'caduta dall'alto e politrauma', attivando invece un'ambulanza senza medico a bordo. In questo modo, sempre in base all'accusa che le viene contestata, avrebbe determinato un ritardo dei soccorsi di circa due ore dalla richiesta di intervento, che sarebbe risultato fatale alla 22enne, morta per shock emorragico conseguente alla rottura della milza. Inoltre, l'assenza del medico a bordo dell'ambulanza e la mancanza di un ecografo avrebbero pregiudicato la possibilità di valutare correttamente la gravità della situazione, anche al fine di valutare di portare la giovane, che morì durante il trasporto a Careggi, nel più vicino ospedale di Borgo San Lorenzo.