Gagli fermato in Oman dalla psicosi Coronavirus
Gagli fermato in Oman dalla psicosi Coronavirus

Muscat (Oman), 26 febbraio 2020 - Isolato per una settimana in una camera d'albergo per aver confessato di aver avuto la febbre la scorsa settimana. Il golfista fiorentino Lorenzo Gagli è stato escluso dall'Oman Open, torneo dell'European Tour in programma da giovedì 27 febbraio a domenica 1° marzo, perché sospettato di essere portatore del Coronavirus dall'Italia. Insieme a lui è stato eslcuso un altro golfista italiano, Edoardo Molinari, suo compagno di camera nell'albergo di Muscat.

"Stamani, mentre facevo colazione - racconta Gagli dalla sua stanza, ancora incredulo e arrabbiatissimo - è arrivata la dottoressa dell'European Tour e mi ha detto che dovevo tornare subito in camera e rimanere lì da solo. Molinari è stato trasferito in un'altra camera, anche lui da solo. Alle 13 sono stato sottotoposto al test del tampone, mi hanno detto che il risultato arriverà fra due giorni, ma che io dovrò rimanere in questa stanza fino a mercoledì prossimo".

Come si spiega questo provvedimento?

«E' una decisione inspiegabile, siamo stati esclusi dal torneo solo noi due, ma io sono arrivato a Muscat domenica scorsa e nei giorni scorsi mi sono allenato in palestra con decine di altri giocatori, ho mangiato con loro e sono stato trasportato a bordo di auto e pullmini insieme ad altri colleghi. Se ci fosse stato il rischio di un contagio, allora avrebbero dovuto isolare decine di golfisti e annullare il torneo. Io e Dodo abbiamo subito un gravissimo danno economico (il montepremi del torneo è un milione e 750mila dollari,ndr), io dovrò rinunciare anche al torneo della prossima settimana in Qatar (stesso motepremi dell'Oman Open,ndr)".

Come sono le sue condizioni di salute?

"Io sto bene, ho solo un po' di raffreddore. Ho avuto la febbre la scorsa settimana e proprio martedì scorso ho ricevuto la mail dall'European Tour nella quale si richiedeva il vaccino contro la febbre gialla per partecipare al torneo in India fra tre settimane. Non ho potuto fare il vaccino prima di partire così martedì scorso mi sono fatto visitare dalla dottoressa dell'European Tour. Le ho detto che avevo avuto la febbre fino a venerdì scorso e lei mi ha detto di aspettare altri due giorni prima di fare il vaccino. Sono andato regolarmente ad allenarmi poi stamani la dottoressa mi ha comunicato la decisione di mettermi in isolamento".

Come ha passato la giornata?

"Alle 13 mi hanno fatto il tampone, per il resto guardo la tv e comunico con Ipad e cellulare. Non posso neanche fare attività fisica per allenarmi un po', questa esclusione è un duro colpo per la mia attività. Avevo quattro tornei di fila da disputare, mi ero preparato bene e ora rischio di non giocarne neanche uno".

Si è messo in contatto con la Federgolf italiana?

"Certo, ma non hanno potuto farci niente. Mi è stato spiegato che è stata una decisione presa dal Ministero della Salute dell'Oman".