Leonardo Margarito
Leonardo Margarito

Firenze, 2 marzo 2021 - Il testo che segue apre Buongiorno Firenze, la newsletter che La Nazione invia ogni mattina agli iscritti alla sua community di lettori. Quotidianamente, Buongiorno Firenze individua un tema di cronaca e vita cittadina, di cui si parla  con un ospite: oggi Leonardo Margarito, diciottenne attivista politico e del volontariato. Buongiorno Firenze tratta le principali notizie di cronaca, cultura, sport e offre suggrimenti su come scoprire e godersi la città      

Per ricevere via mail la newsletter clicca su www.lanazione.it/buongiornofirenze 

.

 

"Noi giovani, già pronti a ripartrire" 
di Ludovica Criscitiello 

Leonardo Margarito ha diciotto anni e le idee già chiare. Perlomeno su quello che serve a Firenze per ripartire nell'ottica di una città che offra ai suoi giovani reali opportunità per il loro futuro. Soprattutto quando sarà il momento di ripartire, raccogliere i pezzi sparsi dalla pandemia e ricominciare. E da chi bisogna ripartire se non da loro? Da chi, come Leonardo, esprime queste idee a gran voce. Attraverso il suo impegno sociale che inizia a dodici anni, per passione e anche grazie agli insegnamenti in famiglia, attraverso la parrocchia di San Felice in Piazza e l'oratorio di San Filippo Neri. Qui segue un gruppo di giovanissimi con attività ludiche e ricreative e svolge anche attività di distribuzione di beni di prima necessità. Impegno quest'ultimo che si è intensificato durante il primo lockdown con l'associazione Amici del Nidiaci per aiutare chi si è trovato in difficoltà a causa del Covid. La sua testimonianza l'ha data durante un convegno a Palazzo Vecchio intitolato “Un anno da non dimenticare” a cui hanno partecipato, tra gli altri, gli assessori Tommaso Sacchi e Sara Funaro, l'attore Maurizio Lombardi e la vice sindaca Alessia Bettini. La voce di Leonardo è stata di impatto vista la sua giovane età e un percorso di idee da realizzare già tracciato nella mente.


L'OSPITE
 

Quella a Palazzo Vecchio è stata la tua prima volta quindi?
"Si, la vicesindaca Bettini aveva saputo del mio attivismo a livello sociale e anche dell'aiuto che io, come altri ragazzi, abbiamo dato durante il lockdown dello scorso anno e mi ha chiesto se volevo dare la mia testimonianza".
Quanti altri giovani entusiasti come te ci sono qui a Firenze?
"Ce ne sono tanti in giro, ma sono troppo poco ...



Clicca per continuare a leggere