La grande Fiera di Scandicci chiude in bellezza tra mostre, cultura e fuochi d'artificio

La due giorni finale della Fiera di Scandicci offre una ricca programmazione: mercato settimanale, mostra-mercato di minerali e fossili, campagna di protezione civile, presentazioni di libri e fuochi d'artificio. Lasciare l'auto e prendere il mezzo pubblico.

Fiera pronta per la due giorni finale. Domani si comincia in piazza Togliatti col mercato settimanale, fino alle 18, a seguire il primo giorno della mostra-mercato di minerali e fossili dalle 9 all’auditorium del centro Rogers. Nello spazio Humanitas invece dalle 10 c’è "Io non rischio", la campagna nazionale sulle buone pratiche di protezione civile. Nello spazio istituzionale alle 15 l’assessore all’Ambiente Barbara Lombardini presenta il nuovo cassonetto Alia, mentre alle 18 l’assessore alla Cultura Claudia Sereni sarà alla presentazione del libro dei circoli cittadini. Domenica si prosegue con la mostra dei fossili e "Io non rischio", ma alle 11 ci sarà la presentazione del libro ‘Un autunno d’agosto’ della direttrice di Qn La Nazione Agnese Pini. Alle 18,30 nello spazio istituzionale saranno presenti tutti gli assessori della giunta per raccontare cinque anni di lavori a Scandicci. La chiusura della fiera è affidata ai fuori d’artificio, che alle 22,30 saranno visibili nell’area di piazza Resistenza. Gli accessi come sempre dalla fermata de André, da via Pantin, e via Pascoli. Il consiglio per questi ultimi due giorni è sempre lo stesso: lasciare l’auto e prendere il mezzo pubblico.