Il mini-governo di Palazzuolo. Ecco chi guiderà il paese

Il sindaco Bottino presenta la squadra. "Subito al lavoro sulle strade e i rifiuti"

Il mini-governo di Palazzuolo. Ecco chi guiderà il paese

Il mini-governo di Palazzuolo. Ecco chi guiderà il paese

Prima riunione per il nuovo consiglio comunale di Palazzuolo sul Senio. E il sindaco Marco Bottino, Pd, 63 anni, ha scelto questo primo appuntamento istituzionale per presentare anche la nuova giunta. E’ una mini-giunta avendo Palazzuolo poco più di mille abitanti. E così sono soltanto due gli assessori che affiancano il sindaco Bottino.

La vicesindaco è Monica Mongardi, 55 anni, che dovrà seguire i settori più delicati, lavori pubblici e urbanistica; ed anche edilizia privata e protezione civile. All’assessore Giordano Cavina, 71 anni, Marco Bottino ha invece affidato le deleghe a decoro urbano, manutenzioni, ambiente, caccia, pesca e agricoltura. Poi lo stesso sindaco ha delegato a quattro consiglieri un’altra parte di settori dell’amministrazione comunale. Luisa Tavolai, 74 anni, sarà così la consigliera delegata a volontariato e associazionismo; Claudio Tozzola, 44 anni, seguirà Turismo e cultura; Daniele Caroli, 27 anni, è il consigliere delegato a sport e politiche giovanili; Lorenzo Naldoni, 35 anni si occuperà di commercio e imprese. Le altre deleghe, a cominciare dal bilancio, restano di competenza del sindaco.

"Dietro queste scelte – dice Bottino – c’è il desiderio di lavorare in gruppo, e di aiutare i giovani amministratori a crescere, facendo loro metter le mani in pasta. Se si lasciano sempre ai margini, poi diventa un problema. E sarebbe anche sbagliato, e neppure possibile, ritenere che una sola persona possa pensare a tutto. Così ci siamo già messi all’opera, con un buon lavoro di gruppo e abbiamo preso in mano alcune situazioni, a cominciare dal contratto di gestione dei rifiuti, che a nostro giudizio presenta lacune. Inoltre, tra i dossier principali che abbiamo sul tavolo, c’è quello dei lavori di rifacimento del palazzo comunale".

"Inoltre – prosegue – pur sapendo che ci sono problematiche più grandi e complesse, abbiamo già iniziato ad occuparci delle piccole cose, a cominciare dal rifacimento di tutte le strisce pedonali, nel capoluogo e nelle frazioni".

Tra i problemi grossi ce n’è già uno sovracomunale: "Il blocco, in agosto – dice preoccupato Bottino -, della ferrovia Faentina per noi è un danno micidiale. Non abbiamo tanti pendolari ma abbiamo tantissimi turisti. E in sintonia con gli altri sindaci mugellani ci stiamo già facendo sentire, affinché si trovi una soluzione positiva".

Paolo Guidotti