Ha sconfitto il Coronavirus e ha festeggiato il compleanno numero 102. Doppio ed eccezionale traguardo per suor Costanza Midena che è stata festeggiata a Signa dalle consorelle e dal sindaco Giampiero Fossi. "Nei giorni più tristi del lockdown – ha detto il primo cittadino – ho spesso pensato a come sarebbe stato questo 18 agosto. Ci ho pensato...

Ha sconfitto il Coronavirus e ha festeggiato il compleanno numero 102. Doppio ed eccezionale traguardo per suor Costanza Midena che è stata festeggiata a Signa dalle consorelle e dal sindaco Giampiero Fossi. "Nei giorni più tristi del lockdown – ha detto il primo cittadino – ho spesso pensato a come sarebbe stato questo 18 agosto. Ci ho pensato spesso mentre in quei mesi proprio suor Costanza era colpita, insieme a molte sue consorelle, dalla terribile epidemia che ha minacciato, insieme a Signa, anche la Casa madre delle Suore Passioniste che qui ha sede. Per questo, poter festeggiare il suo 102° compleanno ha avuto per me un senso di sollievo e di liberazione. Il virus non è stato ancora sconfitto, ma una semplice festa in famiglia, come quella che abbiamo vissuto, in uno dei luoghi che a marzo ha destato più apprensione, rappresenta un segnale importante di speranza e di vita".

Suor Costanza Midena, nata a San Daniele del Friul, oltre a dedicarsi alla vita religiosa è stata attiva come maestra a Ronchi dei Legionari e poi a Montevettolini. "Con grande gioia celebriamo i 102 anni di suor Costanza – hanno scritto le Suore Passioniste di San Paolo della Croce, festeggiando e condividendo l’evento anche su Facebook – tutti vissuti nella dedizione a Dio, nella preghiera e nel servizio assiduo e incondizionato ai fratelli. La comunità ha voluto ringraziare il Signore per questi 102 anni di vita e per i 79 di testimonianza fedele alla chiamata, con una celebrazione eucaristica, presieduta dal parroco, don Vincenzo". Nonostante la positività al Coronavirus e qualche precedente acciacco dovuto all’età, la religiosa non è stata mai ricoverata in ospedale durante i mesi della pandemia, a differenza di altre consorelle.

Lisa Ciardi