Furto di notte al b&b, il titolare si trova davanti il ladro: “Dormivo, ho aperto gli occhi e l'ho visto”

Isolotto, il racconto del faccia a faccia col ladro: "Ha sollevato la tapparella della mia camera". Colpo anche da Pizzaman e al Bistrot Fish Garden

La vetrata di Pizzaman
La vetrata di Pizzaman

Firenze, 29 gennaio 2024 - Con un tombino ha infranto la porta a vetri di Pizzaman di via del Sansovino per poi scappare a mani vuote e tentare la fortuna in un b&b a pochi metri di distanza. All'interno però c'era il titolare che dormiva il quale ha chiamato la polizia. Secondo quanto ricostruito, intorno alle 4.30 della notte tra domenica e lunedì, un uomo nord africano ha cercato di intrufolarsi all'interno della pizzeria di via del Sansovino ma, una volta varcato l'ingresso, è stato messo in fuga dall'antifurto fumogeno.

"E' la terza volta in tre mesi noi non ne possiamo davvero più – si sfoga il titolare di Pizzaman Raffaele Madeo -, non ci ha portato via nulla ma resta il costo di riparazione della vetrata e il danno in termini di perdite di tempo". Madeo, non appena è entrato in funzione l'allarme, si è precipitato sul posto. "Siamo stati svegliati nel pieno della notte – riprende – ed è diventato difficile dormire tranquilli". Subito dopo, poco prima delle 5, lo stesso uomo che si era ferito mentre cercava di buttare a terra la vetrata di Pizzaman, si è diretto verso il b&b in via Palazzo dei Diavoli, a pochi metri di distanza. Dopo aver cercato di forzare la porta principale, si è avvicinato alla finestra al piano terra di una delle camere e ha cercato di sollevare la tapparella. "Ho sentito dei rumori, stavo dormendo e avevo lasciato la televisione accesa. Mi sono svegliato di soprassalto e ho visto un uomo che stava per entrare. Ci siamo guardati in faccia e ho urlato, lui mi ha detto "Stai tranquillo" e se ne è andato" racconta il gestore Mattia Rossini. In realtà, il nord africano non se ne stava affatto andando ma stava cercando semplicemente un altro varco. Rossini che, nel frattempo, si era collegato alle telecamere di video sorveglianza ha chiamato la polizia la quale si è precipitata sul posto e ha portato via il ladro.

"Non è vita – si sfoga – e se non mi fossi svegliato e quell'uomo fosse entrato in camera con me dentro che dormivo? Purtroppo queste persone si sentono impunite e credono di poter fare quello che gli pare". Alla Leopolda, al Bistrot Fish Garden, per la quarta volta ignoti sono riusciti a mettere a segno il colpo. Il modus operandi sempre lo stesso: dopo aver infranto la vetrata sono entrati per poi scappare con il fondo cassa e alcune bottiglie. "Ci sentiamo abbandonati – dice il titolare Gianluca Ciancio -, abbiamo l'allarme ma nemmeno quello serve a nulla. Qui servono più controlli". Madeo ha anche partecipato al sit in di protesta che c'è stato in piazza Duomo per denunciare l'escalation di violenza: "Chiediamo misure urgenti perché la situazione è sfuggita da ogni controllo. Il problema? Le forze dell'ordine fanno il possibile ma la legge non ci tutela Abbiamo paura, noi imprenditori, per i nostri dipendenti che escono tardi dai locali e per i clienti. Le compagnie assicurative non vogliono più assicurare né bar né ristoranti. Se niente cambia siamo pronti tra dieci giorni a tornare in piazza con una manifestazione in notturna”, conclude.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro