ROSSELLA CONTE
Cronaca

Borgo Ognissanti, nuova spaccata nella notte: "È la terza volta in un anno"

Colpo alla Gelateria B.ice. La rabbia del titolare: "Non è vita"

La spaccata alla Gelateria B.i.c.e

La spaccata alla Gelateria B.i.c.e

Firenze, 16 ottobre 2023 - Dopo la strisciata di furti nel weekend, nella notte tra domenica e lunedì la banda del tombino ha colpito per la terza volta in meno di un anno alla Gelateria B.ice di Borgo Ognissanti. Secondo quanto ricostruito, nonostante le telecamere di video sorveglianza sia interne che esterne, ignoti si sono intrufolati all'interno del locale dopo aver infranto la porta a vetri con un tombino. "Non hanno portato via nulla perché noi non lasciano denaro all'interno ma resta il danno sia economico che in termini di tempo. Non è più possibile lavorare in queste condizioni" sottolinea uno dei titolari Silvano Cecconi. Sul piede di guerra l'associazione Borgognissanti con il presidente Fabrizio Carabba che chiede a gran voce l'esercito "dalle 20 alle 6". "Passare in macchina non serve a nulla - dice - serve un pattugliamento a piedi".

Sabato, a distanza di soli tre settimane, sono tornati all’interno del Bar Bonaiuti di viale Belfiore per scappare con la cassetta delle offerte per l’associazione Ant Toscana e alcuni pacchetti di gomme da masticare. Secondo quanto ricostruito, alle 21.45 di sabato, un uomo si sarebbe introdotto all’interno dell’attività dopo aver infranto la vetrata con un tombino. Una volta dentro, nonostante l’allarme fosse scattato e senza nessuna paura, si è diretto dietro al bancone e non avendo trovato banconote ha svuotato il salvadanaio Ant e rubato alcuni pacchetti di gomme da masticare. “Noi siamo disperate, è la seconda volta dopo nemmeno tre settimane. La quarta in un anno. Non nego che stiamo pensando di vendere, non si può più lavorare in queste condizioni” sottolinea la titolare Debra Ann Bonaiuti. Poche ore dopo, la banda si è spostata nel quartiere di San Lorenzo dove ha infranto la porta di un piccolo supermercato in via Sant’Antonino e poi del Sabor Cubano. A fare la scoperta gli ambulanti del rione. Secondo quanto denunciato, ignoti si sono introdotti all’interno del pub dopo aver infranto la porta con un tombino e sono scappati con il fondo cassa di circa 200 euro e un telefono cellulare.

Con un cartello stradale, intorno alle 4.20 della notte tra sabato e domenica, i malviventi hanno tentato anche di spaccare la porta di Florence Lather, il negozio in via del Melarancio mentre sabato mattina è toccato a I Macci di Largo Annigoni. Il modus operandi lo stesso: con un sasso hanno buttato giù la porta e hanno portato via 150 euro. Venerdì mattina lo stesso copione. La banda del tombino ha fatto visita in via Pisana, alla pizzeria Zanfa Bros. "Ci hanno portato via il cassetto della cassa, tre cellulari che usiamo per il lavoro. In meno di un anno è la seconda, siamo veramente demoralizzati" si sfoga uno dei titolari Gianfranco Zanfardino che ha aperto un anno fa. "Questa strada è in mano a piccoli delinquenti, girano con i coltelli in mano.. Purtroppo noi non siamo gli unici nel mirino" conclude. Solo venerdì Confcommercio Firenze ha diffuso un report sul fenomeno dei furti e della spaccate ai danni delle attività. Secondo il rapporto il 65% degli imprenditori non si sente affatto sicuro.