Ecco il ‘borsellino’ di Fondazione CR Firenze: un bando per sviluppare progetti nelle scuole

Le domande di partecipazione possono essere presentate fino al 19 aprile 2024

Una classe all'interno di un edificio scolastico

Una classe all'interno di un edificio scolastico

Firenze, 29 febbraio 2024 – È in arrivo una piacevole novità per le scuole, si chiama Pocket School ed è la nuova iniziativa di Fondazione CR Firenze, che mette a disposizione degli istituti scolastici del capoluogo toscano e delle province di Arezzo e Grosseto fino a cinquemila euro. 

Dai materiali scolastici all’organizzazione delle gite, sono tante le piccole spese che condizionano e a volte limitano le attività e la vita quotidiana delle scuole. La Fondazione mette a disposizione quindi, un ‘borsellino’ per tutti gli istituti scolastici che ne faranno richiesta (ad eccezione di nidi e scuole dell’infanzia) per incoraggiarne la crescita e lo sviluppo di progetti.

“Per la prima volta la Fondazione, oltre ai bandi che sostengono la progettazione di laboratori e più complesse iniziative, ha pensato di venire incontro alle scuole nelle piccole spese quotidiane. Un contributo che va incontro non solo all’organizzazione e pianificazione delle attività di crescita nelle scuole, ma anche ai genitori chiamati spesso a sopperire all’assenza di risorse”, afferma Maria Oliva Scaramuzzi, vice presidente di Fondazione CR Firenze.

Possono fare richiesta del Pocket School sia le scuole pubbliche sia le paritarie e il contributo avrà validità fino al 30 novembre prossimo.

Fra le proposte ammissibili al bando troviamo: i progetti di riqualificazione di luoghi e spazi della scuola, il sostegno alla partecipazione alle uscite didattiche e ai viaggi di istruzione, le proposte di promozione della socialità e dell’inclusione scolastica attraverso attività ludiche e sportive, i percorsi didattici diretti ad approfondire tematiche contemporanee anche legate a ricorrenze e appuntamenti di carattere nazionale e internazionale.

Le domande di partecipazione possono essere presentate fino al 19 aprile 2024.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro