Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
5 ott 2020

Focolaio Gls, chiuso lo stabilimento. Cgil all’attacco: "Poca sicurezza"

Stop all’attività nel magazzino di Campi Bisenzio, dove sono stati accertati 56 contagiati su 115 addetti. Il sindaco Fossi: "Riaprirà dopo le valutazioni della Asl". I sindacati all’azienda: "Regole da rispettare"

5 ott 2020
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi
Su tutti i lavoratori del magazzino Gls di Campi sono stati effettuati i tamponi

Firenze, 5 ottobre 2020 - Chiude, fino a nuova disposizione, lo stabilimento di Campi Bisenzio della Gls, l’azienda di logistica al cui interno si è sviluppato un focolaio di coronavirus. 56 i dipendenti contagiati, all’esito dei tamponi, sui 115 esaminati, tutti ora a casa in isolamento. Il provvedimento è stato adottato dal sindaco di Campi, Emiliano Fossi. Lo stabilimento - un centro di smistamento - non potrà riaprire "fino all’emanazione di successivo provvedimento di revoca che verrà adottato a seguito delle valutazioni della competente Azienda Usl Toscana Centro sulla base dei provvedimenti che il datore di lavoro intende adottare per il ripristino delle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro". E’ proprio sulla questione sicurezza e prevenzione che s’infocola il dibattito. Dopo la denuncia di sabato dei Cobas, anche la Cgil si è espressa criticamente sulle condizioni di lavoro nello stabilimento di Campi Bisenzio. "Siamo a denunciare - dicono le sindacaliste Elena Aiazzi (segreteria Cgil Firenze) e Monia Rialti (Filt Cgil area vasta) - che, anche se ora i tamponi sono stati effettuati su tutti i lavoratori, tutto ciò si poteva evitare a seguito delle nostre denunce degli scorsi mesi alle Prefetture ed alle Asl dei Comuni di appartenenza verso alcune aziende della logistica, tra cui Gls. Bastava mettere in campo le necessarie azioni preventive per il contenimento del Covid19". "Riteniamo - proseguono - che, in un momento così delicato per il nostro paese, tutti debbano fare la loro parte per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini. Ci sono aziende fornitrici che rispettano le regole, ma riteniamo che tutto sia vanificato se non viene attuata una applicazione totale dei Dpcm e del Protocollo di regolamentazione da tutti i soggetti coinvolti. In questi mesi, nel nostro settore, abbiamo pressato le aziende per far rispettare le ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?