Firenze, 20 giugno 2018  - "Finalmente arriviamo ai 'fochi' senza preoccupazioni economiche, grazie al contributo della Fondazione Cr Firenze" pari a 81.500 euro. Lo sottolinea Franco Puccioni, presidente della Società di San Giovanni Battista, nel corso della conferenza stampa per lanciare i classici fuochi di artificio di San Giovanni, il patrono di Firenze.

Un evento molto atteso dai fiorentini, che ogni anno alle 22 del 24 giugno, puntuali prendono di assalto i lungarni, i ponti, e si mettono 'col naso all'insu'' per ammirare lo spettacolo pirotecnico. Quest'anno, spiegano dalla San Giovanni Battista, la serata si aprira' sul Lungarno della Zecca Vecchia alle 20.30 con il concerto dell'orchestra dei ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole: oltre 90 musicisti, diretti dal maestro Edoardo Rosadini.

Alle 22, poi, dopo i saluti delle autorita', via ai 'fochi' dal piazzale Michelangelo. "Ringrazio anche l'amministrazione comunale, che ci ha accompagnati durante tutte le fasi organizzative al fine di rispettare tutte le norme di sicurezza necessarie per il sereno svolgimento della serata", conclude Puccioni.

"Come avevamo già annunciato - sottolinea il direttore di Fondazione Cr Firenze, Gabriele Gori - quest'anno sosteniamo interamente il costo dei 'fochi' per sottolineare il nostro forte e costante sostegno alla Società di San Giovanni Battista e la nostra grande attenzione alle tradizioni di Firenze". La fondazione, aggiunge, per la San Giovanni "c'è sempre stata e sarà così anche per i prossimi anni. Potete contarci".