Cantieri stadio, svolta sui tempi. Ok del governo alla proroga: “Fiorentina al Franchi fino al 2028”

Via libera alla nuova programmazione finanziaria, estesa di due anni. Ossigeno per i lavori. La Fiorentina potrà evitare di giocare le sfide casalinghe in un altro impianto. Sollievo del Comune

Firenze, 3 marzo 2024 – Svolta sullo stadio Franchi, i tempi e le risorse finanziarie spalmate su ulteriori due anni rispetto ai paletti del 2026 dal governo Meloni danno la possibilità alla Fiorentina di non dover lasciare più il Campo di Marte durante i lavori di restyling dell’impianto di Nervi. Ad annunciarlo è il senatore fiorentino di Fratelli d’Italia Paolo Marcheschi:

«La Fiorentina potrà giocare, se vorrà, al Franchi fino al 2028. – le sue parole – Grazie al governo, e al lavoro del ministro per gli Affari Europei Raffaele Fitto, è stata prevista una nuova programmazione finanziaria del Piano nazionale complementare, nell’ambito del decreto legge Pnrr, che viene estesa al 2028 ed entro 60 giorni l’esecutivo verificherà a che punto siano gli interventi finanziati dal Pnc, per poterne adeguare scadenze e tempistiche rispetto all’effettivo stato di realizzazione. L’intervento finanziato dal Pnc per il Franchi, rientra quindi nella proroga". Si risolvono così, sulla carta, tutte le incognite legate alle ’trasferte’ (in un altro stadio che era rimasto ancora da definire) che i tifosi avrebbero dovuto affrontare anche in occasione degli impegni casalinghi.

Palazzo Vecchio, appresa la notizia, ha ringraziato Roma non mancando però di auspicare che il governo ora "possa rispondere positivamente anche sulla richiesta di restituire alla città di Firenze i 55 milioni di euro a suo tempo tolti" sempre per il Franchi. "Siamo molto contenti che il governo sia venuto incontro alle nostre lettere di tre mesi fa, anche se nel frattempo come è noto avevamo già trovato la soluzione per far giocare la Fiorentina al Franchi per tutto il campionato 2024-’25. Se decade l’obbligo di rispettare la scadenza dei lavori del dicembre 2026, la prossima amministrazione comunale avrà tutto il tempo di valutare come gestire il cantiere da metà 2025 in poi sfruttando questa opportunità in più. Avanti tutta". Polemico il parlamentare dem Federico Gianassi ("Arrivano dopo i fuochi. Noi avevamo chiesto la proroga dei lavori nei mesi scorsi, ma poiché non era arrivata risposta Nardella aveva risolto da solo il problema, assicurando alla Fiorentina di giocare al Franchi anche il prossimo anno") così, come sull’altra sponda lo è anche lo stesso Marcheschi: "Il governo non solo ha fatto la propria parte, smentendo le strumentali grida d’allarme di Nardella che ha più volte accusato l’esecutivo di aver scelto di abbandonare Firenze per meri motivi politici, ma consente la proroga dell’intervento prendendo atto dell’incertezza finanziaria che caratterizza questo progetto, nato male e proseguito peggio".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro