Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
23 mag 2022

Firenze, cinque ragazzini contro un disabile: "Dacci le tue sigarette senza fare storie"

L’episodio segnalato in Oltrarno: affrontato da un branco di quindicenni. Molestato fin dalle medie. La rabbia della mamma: "Ora basta"

23 mag 2022
rossella conte
Cronaca
In Oltrarno si sono messi in cinque contro uno per ottenere una sigaretta da un coetaneo con evidenti problemi di disabilità
In Oltrarno si sono messi in cinque contro uno per ottenere una sigaretta da un coetaneo
In Oltrarno si sono messi in cinque contro uno per ottenere una sigaretta da un coetaneo con evidenti problemi di disabilità
In Oltrarno si sono messi in cinque contro uno per ottenere una sigaretta da un coetaneo

Firenze, 24 maggio 2022 - Lo hanno obbligato a consegnare l’ultima sigaretta, lo hanno perquisito controllando che non ne avesse altre nelle tasche dei pantaloni e poi lo hanno preso a sputi. Il tutto condito da risate e sfottò. E per questa “impresa“ ci si sono messi in cinque, giovanissimi e strafottenti. E’ successo in Oltrarno, domenica sera intorno alle 19, in via dei Cardatori, proprio nei pressi di piazza dei Nerli. Vittima un ragazzino disabile di 15 anni con problemi visivi e motori. Quando è tornato a casa l’adolescente si è rifugiato tra le braccia della mamma ed è scoppiato a piangere: "Perché?" ha ripetuto più volte cercando una risposta e un senso a tanta cattiveria. "Stavo tornando a casa ed ero stanco, mi sono seduto su un muretto quando si sono avvicinati cinque ragazzini che mi hanno chiesto una sigaretta" ha raccontato alla mamma, una signora che vive e lavora in San Frediano. Secondo quanto riferito, i bulli - ragazzini tra i 15 e i 16 anni - non credendo alle parole della vittima avrebbero rovistato loro stessi nelle tasche dei pantaloni sperando di trovarne delle altre. Una volta appurato che il pacchetto fosse realmente vuoto, lo avrebbero preso a sputi, colpendolo sia sul viso che sul corpo. La mamma, che ieri ha denunciato l’episodio ai carabinieri, è sconvolta: "Questa mattina (ieri ndr) non è voluto andare a scuola, ha paura. Purtroppo non è la prima volta, spesso per strada viene seguito da ragazzini che frequentano l’Oltrarno, e schernito per via dei suoi problemi fisici". Infatti, secondo quanto raccontato dalla donna, tutto sarebbe cominciato due anni fa quando il figlio era ancora alle scuole medie. "Più volte – si sfoga – è stato seguito a casa, insultato, gli hanno portato via monete e sigarette". Lo hanno chiamato "Storpio", "Ritardato" ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?