Banda di borseggiatori all'assalto di turisti: due arresti e una denuncia

In via de' Tornabuoni i carabinieri hanno bloccato una coppia di rumeni che stava per derubare un ignaro visitatore

I carabinieri hanno sorpreso la banca in azione
I carabinieri hanno sorpreso la banca in azione

Firenze, 5 giugno 2023 – Stavano per borseggiare l'ennesimo turista ma questa volta il loro piano è stato intercettato dai militari. Nella serata di ieri i carabinieri della Stazione di Firenze Uffizi hanno arresto due persone per tentato furto con destrezza. Il terzo componente della banda, viso noto, è riuscito a darsi alla fuga ma è stato denunciato a piede libero.

Nel corso di un servizio antiborseggio appositamente predisposto per contrastare i furti ai danni dei tanti turisti che, in questi giorni affollano il centro storico, i militari, hanno notato in piazza San Firenze tre persone, due delle quali già conosciute per essere dedite a reati contro il patrimonio. Insospettiti, hanno deciso di osservarli a distanza al fine di prevenirne eventuali condotte criminose.

Dubbi subito confermati. I militari, infatti, hanno notato che i due si avvicinavano sempre a potenziali vittime, munite sempre di borse o zaini. Giunti in via de’ Tornabuoni, due dei tre si sono avvicinati a un turista che si trovava sulla soglia dell'ingresso di un esercizio commerciale mentre il terzo è rimasto in posizione defilata per guardarsi intorno. In quel frangente, i militari hanno notato che la vittima prescelta stava per essere derubata del portafogli: uno dei due aveva già inserito la mano nella tasca dei pantaloni (dove era custodita la somma di 900 euro). I carabinieri quindi sono intervenuti e bloccato la coppia di borseggiatori mentre il terzo elemento della banda, già noto, si è dato alla fuga. Per quest'ultimo scatterà la denuncia a piede libero per tentato furto aggravato in concorso mentre le due persone fermate, un uomo ed una donna di 47 e 49 anni, entrambi di nazionalità rumena, sono finite in manette. Sottoposti a perquisizione personale i due sono stati trovati in possesso di circa 350 euro, somma di denaro che potrebbe essere provento di altri furti.