Un'ambulanza
Un'ambulanza

Borgo San Lorenzo (Firenze), 11 agosto 2015 - Un bambino di soli 7 mesi è morto domenica sera dopo essere stato dimesso dall'ospedale di Borgo San Lorenzo nella giornata di venerdì. Oggi i carabinieri di Borgo hanno acquisito copia della cartella clinica. I genitori hanno sporto denuncia. 

Secondo quanto reso noto dall'Azienda sanitaria di Firenze, il piccolo era stato ricoverato in pronto soccorso mercoledì a causa di una forte disidratazione da gastroenterite acuta, senza segni di febbre, e, una volta avviate le prime indagini, sottoposto a idratazione idroelettrolitica parenterale nonché a terapia antibiotica, oltre ovviamente a tutti gli esami e gli accertamenti del caso.

"Dopo due giorni, venerdì, le condizioni cliniche generali del bambino sono risultate buone - si legge nella nota - normalizzati gli elettroliti, così come rimasti nella norma i parametri vitali e in via di ordinaria ripresa l’attività intestinale, per cui è stato dimesso prescrivendo una opportuna terapia".

La situazione però è precipitata domenica sera, attorno alle 23, quando i genitori hanno chiamato il 118 dicendo che il bambino era in arresto cardiocircolatorio. Da quel momento sono iniziate le disperate e purtroppo inutili manovre di rianimazione: mentre l'ambulanza più vicina è stata inviata sul posto, dove è giunta in nove minuti, la centrale del 118 ha istruito i genitori sulle manovre da tenere come prima emergenza, poi i sanitari giunti sul posto hanno iniziato massaggio cardiaco e respirazione artificiale, operazione che ha proseguito il medico giunto con l’automedica alle 23.13. Alle 23.17 è arrivata un'ambulanza medicalizzata, partita poi a mezzanotte e diciotto alla volta del Meyer dove è giunta alle 0.42. Anche lì i medici di turno hanno proseguito i tentativi di rianimazione risultati vani.