Arrivano i chioschi in 15 giardini di Firenze

Il Comune di Firenze annuncia l'installazione di 15 nuovi chioschi in piazze e giardini, parte di un progetto per rinnovare il commercio su aree pubbliche e promuovere la legalità. I concessionari saranno selezionati tramite bando, con criteri che includono la cura degli spazi, l'adesione al progetto plastic free e l'organizzazione di attività culturali. L'obiettivo è rendere gli spazi verdi più vivi e sicuri, offrendo servizi e promuovendo la socialità.

Quindici nuovi chioschi per rivitalizzare piazze e giardini. Ma anche come presidio di legalità e sicurezza. Un progetto, questo, che rientra nella terza parte della riorganizzazione del commercio su aree pubbliche messo a punto, per quanto di sua competenza, anche dall’assessore all’Ambiente Andrea Giorgio. I concessionari di questi nuovi spazi saranno individuati attraverso un bando che il Comune pubblicherà non appena il Salone de’ Dugento avrà dato il suo via libera.

Tre i criteri da rispettare per partecipare alla gara: la partecipazione alla cura e gestione delle aree (ad esempio apertura e chiusura cancelli, gestione bagni dove presenti), adesione al progetto plastic free contro uso della plastica e l’organizzazione attività culturali e sociali.

"I nostri giardini saranno più vivi e più sicuri grazie a questa delibera che ascolta le richieste di cittadini e associazioni", dice l’assessore Giorgio. "Gli spazi verdi, in centro e in periferia, saranno così più attrattivi, offriranno più servizi, garantiranno presidio sociale e attività di controllo. I nuovi chioschi saranno costruiti con una qualità estetica elevata ( in alcune aree i progetti saranno soggetti anche all’ok della Soprintendenza, ndr) e questo, oltre all’offerta di attività e servizi per i cittadini, sarà un elemento importante nei bandi. L’obiettivo è quello di dare a famiglie, bambini e anziani degli spazi pubblici migliori e più frequentabili, che durante il giorno siano luoghi di ritrovo e socialità".

Dal Quartiere 1 al 5 sono diverse le aree verdi in cui tra qualche mese si potrà trovare il classico “chioschino“, autorizzato a vendere generi alimentari: si va dai giardini di via del Mezzetta alla Montagnola, da Rovezzano (dove c’è stata già una sperimentazione autorizzata dall’assessorato all’Ambiente) ai giardini del Campo di Marte. Fino all’Anconella, Bellariva, all’interno del parco di San Donato, Orticoltura e giardini del liceo Leonardo da Vinci in piazza Danti.

A.P.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro