Sanitari no vax: aumentano le sospensioni
Sanitari no vax: aumentano le sospensioni

Firenze, 12 ottobre 2021 - Altri sanitari sospesi perché non vaccinati. Nuove 14 delibere di sospensione sono state firmate oggi nei confronti di dipendenti dell’Azienda Usl Toscana centro per inosservanza dell’obbligo vaccinale. I provvedimenti riguardano due medici, quattro infermieri, quattro operatori socio-sanitari, tre ostetriche e un tecnico della prevenzione. Già da domani questi professionisti saranno sospesi sia dal servizio che dalla professione. I provvedimenti di sospensione sono arrivati a seguito del percorso di accertamento avviato dal Dipartimento della Prevenzione, che li ha poi formalizzati all’Azienda.

Fino a questo momento sono stati 143 gli atti di sospensione adottati. In seguito alla vaccinazione o ad altre motivazioni, gli atti di revoca dei provvedimenti sono stati 32 per cui ad oggi sono 111 gli operatori sospesi. Il provvedimento di sospensione scatta all’avvenuta ricezione da parte del datore di lavoro dell’atto di accertamento del mancato rispetto dell’obbligo vaccinale del dipartimento della prevenzione. Lo stesso atto di accertamento viene inoltre inviato all’ordine professionale di competenza per gli adempimenti di legge.

L’azienda ricorda che per la riammissione in servizio serve aver completato il ciclo vaccinale. Per quanto riguarda i dipendenti, anche i neoassunti devono dimostrare di aver portato a termine la vaccinazione.