di Giovanni Ballerini Nel 2010, con il primo album avevano esplorato con estro il mondo dei campionamenti. Stavolta gli Alan+ esaltano la spoken word music, con testi narrati su una trama musicale densa ed elegante, che avvolge e fa scorrere i pensieri. Il duo fiorentino, che vede Tony Vivona alle basi elettroniche, synth, basso, piano e voce e Alessandro Casini alle...

di Giovanni Ballerini

Nel 2010, con il primo album avevano esplorato con estro il mondo dei campionamenti. Stavolta gli Alan+ esaltano la spoken word music, con testi narrati su una trama musicale densa ed elegante, che avvolge e fa scorrere i pensieri. Il duo fiorentino, che vede Tony Vivona alle basi elettroniche, synth, basso, piano e voce e Alessandro Casini alle chitarre (nella foto), vibroplettri, disturbi ambientali, dissonanze, pubblica oggi per l’etichetta Urtovox in formato lpdigital "Anamorfosi". Un album di grande forza evocativa che rinnova e attualizza la pratica espressiva dei reading, non più legandoli alle tematiche della beat generation, ma a una cogente contemporaneità e all’emotività che, fra musica e teatro la pervade. Ma come nasce questo il progetto? "Affonda le radici nelle performance di Nick Cave o degli Einstürzende Neubauten - racconta Vivona, anche se poi le nostre sono musiche impostate sull’intreccio pulsante del basso e il vorticare di chitarre elettriche disturbate. Il risultato è un disco che ascoltato più volte svela tante sfumature. I testi cristallizzano precise sensazioni, indagano in maniera poetica il comportamento umano. Poi c’è il brano “Fino all’ultimo respiro“ che è un racconto noir. Nascono prima i testi della musica, che poi ci cuciamo addosso". Tony Vivona lavora anche con Tabula Rasa Teatro, di cui è anche direttore artistico, e anche attore e regista. "Proprio in questi giorni stiamo registrando i monologhi di un progetto che si chiama Saligia - prosegue –, cioè l’acronimo con cui si usa definire l’ordine dei 7 Vizi Capitali per cui, come Alan+, cureremo la colonna sonora. Contiamo di presentare il lavoro in un video che gireremo al teatro Microscena di Borgo San Lorenzo". Gli Alan+ invece quando li vedremo in concerto? "Presto. In attesa del tour, a breve realizzeremo un live da una sala prove, che sarà disponibile on line".