MAURIZIO COSTANZO
Cosa Fare

Firenze, ricostruito in un volume il carteggio inedito tra La Pira e Andreotti

Il volume con oltre 160 lettere inedite, con prefazione del Cardinale Matteo Maria Zuppi, sarà presentato il 16 maggio al Niccolini da Serena Andreotti, Pierluigi Castagnetti, Agostino Giovagnoli e Patrizia Giunti

La Pira e Andreotti, copertina del libro

La Pira e Andreotti, copertina del libro

Firenze, 14 maggio 2024 – Un carteggio inedito ricostruito grazie agli archivi della Fondazione Giorgio La Pira e a quelli di Giulio Andreotti: oltre 160 lettere, frutto della lunga amicizia tra due uomini di fede che hanno avuto idee divergenti ma che hanno trovato sempre le modalità per convergere sulla difesa di principi comuni. L’epistolario, pubblicato nel volume di Augusto D’Angelo «Bisogna smettere di armare il mondo», con prefazione del Cardinale Matteo Maria Zuppi, sarà presentato giovedì 16 maggio alle 18.00 al Teatro Niccolini (Via Ricasoli, 3). Interverranno Serena Andreotti, presidente del Comitato archivio Giulio Andreotti, Pierluigi Castagnetti, già parlamentare europeo, Agostino Giovagnoli, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, e Patrizia Giunti, presidente della Fondazione La Pira. Saranno presenti l’autore Augusto D’Angelo e l’editore Antonio Pagliai.  

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro