Troppi piccioni nel centro. Arrivano i falchi

L'amministrazione comunale di Montaione ha deciso di affidare ad una ditta specializzata l'incarico di "bird control" per risolvere il problema dell'aumento esponenziale dei piccioni. L'operazione prevede l'utilizzo di falchi addestrati e l'installazione di gabbie-trappola.

Troppi piccioni nel centro. Arrivano i falchi
Troppi piccioni nel centro. Arrivano i falchi

Il numero dei piccioni presenti sul territorio sembra essere aumentato esponenzialmente, causando non pochi disagi ai residenti. E per risolvere il problema, arriveranno...i falchi. Lo ha deciso l’amministrazione comunale, affidando nei giorni scorsi ad una ditta specializzata l’incarico di occuparsi del "bird control", a fronte di una spesa di dieci mila euro. La criticità principale riguarda a quanto sembra il centro storico del capoluogo di Montaione, infestato da colonie di piccioni che trovano riparo nei sottotetti, verande, canali, gronde e tetti. Un fenomeno che ha assunto dimensioni tali "da costituire un serio rischio di natura igienico-sanitaria oltre che danno a carico di edifici pubblici e privati, degrado di monumenti nonché problemi di decoro urbano". E su queste basi, il Comune ha deciso di affidare l’intervento.

L’operazione prevede una prima fase da attuare con l’utilizzo di falchi addestrati che, facendo leva sull’istinto naturale, dovrebbero portare i piccioni ad allontanarsi e a nidificare altrove. Il secondo passo, da attivare solo nel caso in cui non si raggiunga una presenza di volatili sostenibile con l’ambiente, prescrive insieme all’utilizzo dei rapaci anche l’installazione sui tetti degli immobili infestati di gabbie-trappola attivate con esca alimentare. Le gabbie saranno controllate e monitorate affinché non si verifichino episodi di mortalità all’interno delle stesse, oltre che per l’immediata liberazione di individui appartenenti a specie diverse dal piccione comune accidentalmente catturati.