Sorpresa, la ristrutturazione è finita: "Questo è l’ultimo mese di disagi. Siamo pronti a riaprire a marzo"

La sindaca Barnini dà l’annuncio e chiede ai ragazzi ancora un po’ di pazienza: mancano solo i collaudi. I lavori sono terminati durante la settimana, così anche la parte vecchia potrà tornare a essere vissuta.

Sorpresa, la ristrutturazione è finita: "Questo è l’ultimo mese di disagi. Siamo pronti a riaprire a marzo"

Sorpresa, la ristrutturazione è finita: "Questo è l’ultimo mese di disagi. Siamo pronti a riaprire a marzo"

Per una biblioteca fresca di inaugurazione, ce n’è un’altra che ’soffre’. Almeno così racconta chi vive gli spazi della Fucini quotidianamente, chi ci studia e ci lavora. Ci sono studenti che non trovano una postazione libera e che chiedono "più flessibilità" per poter utilizzare i locali anche senza prenotazione. Alcuni hanno cambiato abitudini e ridotto gli orari di frequentazione auspicando l’immediata riapertura della parte vecchia.

Ed è su questo punto che interviene, in risposta ai giovani empolesi, la sindaca Brenda Barnini. "I lavori sono finiti questa settimana, adesso si fanno i collaudi, dal primo marzo si riaprono gli spazi – ecco la buona notizia –. La nostra biblioteca è stata oggetto di una ristrutturazione importante che ha coinvolto prima il corpo principale di via Cavour e dopo la parte collegata al complesso degli Agostiniani". Nota a margine: la riapertura seguirà gli ultimi orari annunciati.

Sull’ex convento degli Agostiniani sono stati effettuati interventi di adeguamento della climatizzazione e alla normativa antincendio. I lavori – che hanno preso il via a ottobre – sono costati 400mila euro e sono serviti a dotare i locali di un nuovo impianto di climatizzazione invernale ed estivo, completando di fatto la struttura per l’utilizzo dei locali della biblioteca. L’intervento di climatizzazione riguarda il piano terra, il primo e il secondo piano dell’immobile con ingresso da via dei Neri.

Sono interessati al piano terra, fra l’altro, il Cenacolo degli Agostiniani, al primo piano la sala di lettura e i loggiati e, al secondo piano, l’area uffici. Si tratta di quindici locali per circa 300 metri quadrati di superficie presto muniti di trenta unità interne per la climatizzazione. Undici, invece, gli idranti installati e ventitré gli estintori a polvere.

Si chiede agli utenti, dunque, ancora un po’ di pazienza. Giusto un ultimo mese di "disagi" prima di tornare alla normalità. Anzi, ad una situazione migliorativa. Nel frattempo infatti si è concluso il cantiere dell’ex convitto infermieri ed è stato aperto Palazzo Leggenda, biblioteca dedicata a bambini e ragazzi. "Negli spazi del vecchio ospedale, la cui ristrutturazione è nelle settimane conclusive – ricorda Barnini – ci saranno spazi destinati a sale letture e studio per gli studenti delle scuole superiori e universitari. In questo modo, quindi, la biblioteca Fucini potrà assolvere in modo specifico alle funzioni del prestito e quelli della Fucini non saranno più gli unici spazi destinati agli studenti".