"Favoriremo la vera rinascita delle frazioni"

Il futuro di Fucecchio si basa sull'analisi delle sue peculiarità storiche e paesaggistiche per uno sviluppo sostenibile. Interventi sull'accessibilità, valorizzazione delle frazioni e sostegno al tessuto produttivo sono cruciali per il benessere della comunità.

"Favoriremo la vera rinascita delle frazioni"

"Favoriremo la vera rinascita delle frazioni"

1) "Per delineare il futuro di Fucecchio, è essenziale partire dall’analisi delle sue peculiarità storiche, paesaggistiche, culturali, artigianali e industriali del passato e del presente. La chiave è perseguire uno sviluppo sostenibile che favorisca l’economia e il benessere dei suoi abitanti, attirando investimenti per migliorare i servizi e rendere più attraenti le aree commerciali, artigianali e industriali".

2) "Per migliorare la fruibilità di Fucecchio, è necessario intervenire sull’accessibilità e sui parcheggi. Il Comune deve continuare a svolgere un ruolo centrale nel collegare importanti vie di comunicazione come la Fi-Pi-Li e l’A11, potenziando allo stesso tempo i percorsi ciclopedonali, come quello verso la stazione di San Miniato. Fucecchio ha un grande potenziale turistico, grazie alla sua storia e alle sue bellezze ambientali come il Padule e le Cerbaie, che devono essere inclusi nei circuiti turistici regionali e nazionali".

3) "Le frazioni devono essere valorizzate mettendo in luce le loro unicità storiche, culturali e paesaggistiche. È prioritario continuare a sviluppare la distribuzione di servizi pubblici essenziali come gas metano, acqua e fibra, tutelando presidi educativi, formativi, sanitari, e di cura. Sarà effettuato un censimento delle case sfitte per creare una vetrina immobiliare che permetta a nuove famiglie di trasferirsi nelle frazioni o di trasformare le abitazioni in un sistema di accoglienza turistica diffusa. È inoltre fondamentale mantenere e sviluppare il servizio di trasporto pubblico dalle frazioni al capoluogo e creare luoghi di aggregazione per bambini e giovani".

4) "Il tessuto produttivo troverà nel Comune un punto di riferimento. Verrà creato un tavolo permanente sul lavoro per monitorare costantemente le difficoltà e discuterle insieme, coinvolgendo anche la Regione. L’obiettivo è fornire strumenti adeguati alle associazioni di categoria per mantenere i mercati e, superata la crisi, essere pronti a ripartire. Sarà fondamentale promuovere iniziative che mettano in luce il tessuto produttivo locale, come un Festival della formazione e del lavoro".