Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Lavoro, dopo la pandemia in Toscana 5mila nuovi 'neet' under 35

I giovani tra i 15 e i 34 anni che non studiano né lavorano sono cresciuti del 4%. A lanciare l'allarme Coldiretti Toscana

Un momento della protesta " selvatici crescenti , agricoltori calanti" agricoltori e allevatori in piazza Duomo davanti alla sede della regione Toscana , anti ungulati e predatori  2 agosto 2016
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI
Tutela dell’agroalimentare: si prepara il tour nazionale di Coldiretti

Firenze, 28 aprile 2022 – Con la pandemia è cresciuto il numero dei giovani toscani tra i 15 e i 34 anni che hanno smesso di studiare, cercare lavoro e formarsi. I 'neet' hanno raggiunto la cifra di 123mila, in maggioranza donne, 5mila in più con una crescita, rispetto al periodo pre-pandemico, del 4 per cento. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dell’analisi dei dati Istat in occasione dell’unica tappa toscana del Neet Working Tour che, promossa dal ministero per le Politiche Giovanili in collaborazione con l’Agenzia nazionale per i giovani, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro e Carta giovani nazionale, si è tenuta il 26 e 27 aprile a Chieti.

Un appuntamento molto partecipato dove non è mancata la presenza allo stand dei Giovani di Coldiretti della ministra Fabiana Dadone. “Ci sono tantissime esperienze imprenditoriali che possono essere sicuramente uno stimolo per molti giovani che oggi sono alla ricerca di una nuova traiettoria lavorativa insieme a riscatto sociale. – spiega Francesca Lombardi, delegata Giovani Coldiretti Toscana - L’agricoltura è tornata ad essere un settore strategico per la ripresa economica ed occupazionale con le campagne che sono diventate il banco di prova dei tanti giovani che possono sviluppare le loro idee innovative contribuendo alla progressiva modernizzazione e digitalizzazione delle nostre campagne. E’ una realtà molto lontana dall’immagine stereotipata di un settore che è in controtendenza dove ci sono ancora molti spazi sia per chi vuole fare impresa, sia per chi cerca un impiego ed una lavoro all’aria aperta”.

Sono 2.780 le imprese agricole guidate da giovani imprenditori (+ 0,5%) secondo i dati della Camera di Commercio di Firenze, poco più di 19mila gli operai che hanno meno di 35 anni che lavorano nelle campagne toscane (fonte Inps) a riprova di un settore resiliente che sarà sempre più strategico per il Paese. Ed è in questo contesto, tra pandemia e tensioni internazionali, che sono nate le imprese del trentaduenne Gabriele Lorenzi e del ventiduenne Sergio Pagani. Il primo ha creato, insieme a due amici, la start-up “Bafolo” che coltiva luppolo ed orzo nella piana di Lucca per la filiera della birra artigianale, fresca vincitrice dell’Oscar Green di Coldiretti, il secondo dell’azienda agricola “La Rita”. coltiva in Lunigiana alcune pregiate varietà di grani antichi che trasforma in farina da cui produce i famosi testaroli della Lunigiana.

“Siamo al cospetto di due realtà molto diverse tra loro, accomunate dalla capacità di fare innovazione in settori tradizionali valorizzando il territorio, puntando sulla sostenibilità e la filiera corta e sul valore della tracciabilità. – conclude la delegata regionale dei giovani Imprenditori di Coldiretti – Ai neet dico: scommettete sull’agricoltura se siete alla ricerca di un vero cambio di vita sicuramente faticoso, ma anche ricchissimo di soddisfazione”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?