Massa (Massa Carrara), 12 gennaio 2020 - Forse una disattenzione, forse uno dei due è scivolato, portandosi dietro l'altro a cui era legato con una corda. Tragedia sulle Alpi Apuane nella tarda mattina di domenica: marito e moglie sono morti cadendo nel vuoto nella zona del Monte Sella, di oltre 1700 metri di altitudine e dalla cui sommità nelle belle giornate si vede tutta la Toscana. Una tragedia in un luogo che è conosciutissimo dagli escursionisti.

Una zona però infida, dove anche il minimo errore può costare la vita. Jeffrey Grazzini, 51 anni e la moglie Letizia Rossi, 47 anni, di Sant'Alessio, quartiere di Lucca, sono morti dopo essere caduti per circa cinquanta metri. Sono stati altri escursionisti a dare l'allarme, vedendoli senza vita sul sentiero. Mentre un primo allarme era stato dato da altri escursionisti che erano nei pressi del rifugio Nello Conti, chiuso in questo periodo dell'anno.

A quel punto la localizzazione per Soccorso Alpino e Elisoccorso del 118 partito dal Cinquale è stata relativamente semplice, anche se la natura impervia della zona ha reso l'intervento laborioso. 

Una domenica che doveva essere di festa e di amore per la montagna e che si è trasformata in un giorno di morte. La coppia era partita da Lucca per l'escursione in una giornata di sole. Le condizioni meteo erano particolarmente favorevoli. L'incidente sarebbe accaduto a metà mattina, intorno alle 11.30. Per i due non c'è stato scampo. Soccorso Alpino e personale dell'elisoccorso del 118 non ha potuto far altro che accertare il decesso dei due. Dopo i rilievi nella zona della tragedia (indagano i carabinieri) i corpi sono stati trasportati via elicottero all'ospedale di Massa. 

Si lavora sulla ricostruzione della dinamica. I due non erano in parete, sembra stessero camminando su un sentiero del monte Sella, sul fronte massese del rilievo. Che divide di fatto la provincia di Lucca dalla provincia di Massa Carrara. Erano a 1498 metri di quota quando sono scivolati. 

L'anno scorso erano state due le vittime durante escursioni sulle Apuane: il 25 settembre era deceduto un 52enne tedesco, precipitato nel Fosso dell'Anguillaia, nel territorio di Vagli (Lucca); il 16 febbraio era invece deceduto un alpinista ligure di 43 anni, caduto mentre affrontava, in cordata con un amico, la via Piombo Calcagno, nella zona del Monte Cavallo, al confine tra le province di Lucca e Massa Carrara.