Firenze, 3 aprile 2021 - Sono 1473 i nuovi casi di coronavirus in Toscana, come dice il bollettino di sabato 3 aprile. Si contano anche 22 decessi. Ci sono altri venti ricoveri in ospedale, che porta il totale dei ricoverati attuali a sfiorare i 1900 (furono 2100 i ricoveri nel picco della seconda ondata). Leggi il bollettino completo del 3 aprile   

Cominciano intanto i tre giorni del periodo pasquale (sabato, domenica e lunedì) con tutta l'Italia in zona rossa nella lotta contro la pandemia di Covid-19. Per la Toscana, però, cambia poco visto che è già in zona rossa da lunedì. Oltretutto, i dati decisamente preoccupanti hanno spinto la Regione a varare un'ordinanza restrittiva in termini di chiusure proprio in questi tre giorni.

Pasqua e Pasquetta, la Toscana chiude tutto / PDF

 Intanto, come detto, peggiorano i contagi Covid in Toscana: ieri, 2 aprile, i nuovi casi nella regione sono stati 1.640 su 30.467 test di cui 18.134 tamponi molecolari e 12.333 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi era del 5,38% sul totale dei tamponi e del 14,5% sulle prime diagnosi". Ecco perché c'è particolare attesa per i dati di oggi sperando in un'inversione di tendenza.

 

Vaccinazione obbligatoria per il personale sanitario

Il decreto legge specifica che la "vaccinazione costituisce requisito essenziale all'esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati", e che in caso di inosservanza sono previsti precisi provvedimenti QUI  L'ARTICOLO 

 

Bollettino covid Toscana 2 aprile, tutti i numeri

Stretta di Pasqua, tutta Italia in zona rossa (video)

image

 

Anticorpi monoclonali: ecco cosa sono e quando usarli (video)

image

Pasqua blindata, il Viminale intensifica controlli (video)

image

Vaccino Johnson & Johnson, 15 milioni di dosi da buttare (video)

image

Una terza ondata che, seppur meno rapida della seconda, è costante nella salita degli attualmente positivi e degli ospedalizzati

Le interviste in zona rossa

Vaccino covid Toscana, l'odissea dei fragili

Chi sono i fragili? Le loro patologie

Firenze, quasi un ricoverato su due è colpito da Covid

La copertura dei pazienti ricoverati per Covid è intorno al 45%. QUI L'ARTICOLO

Toscana, record di vaccinazioni: 28.937 iniezioni in un giorno

Il 31 marzo sono state in tutto 28.937 le iniezioni fatte con i tre vaccini a disposizione, Pfizer, Moderna e AstraZeneca QUI L'ARTICOLO 

Focolaio covid nella Primavera dell'Empoli

Dopo la prima squadra anche la Primavera dell'Empoli è travolta dal Covid: sedici positivi fra squadra e staff. QUI L'ARTICOLO

Caso di Covid all'ospedale di Barga, ricostituita la "bolla"

Ricostituita la bolla Covid all'ospedale di Barga (Lucca) dopo alcuni casi di positività fra i pazienti. QUI L'ARTICOLO

Firenze, allarme della Cgil: "Ospedali allo stremo"

Il sindacato denuncia una situazione di grande difficoltà degli ospedali nell'area fiorentina QUI L'ARTICOLO

La terza ondata

In Toscana il contagio da coronavirus circola in forma ancora massiccia in questa terza ondata. E i dati oscillano. Nel rilevamento del 31 marzo i casi sono tornati sopra i 1500. Per tutto il mese di marzo non sono mai scesi sotto i mille. Preoccupa la situazione dei ricoveri, arrivati ormai ben oltre i 1800. Attualmente i ricoverati negli ospedali toscani sono 1825. Nel momento massimo dell'epidemia, nella seconda ondata, il 23 novembre del 2020, la Toscana toccò i 2128 ricoverati. Questo per far capire come anche questa terza ondata stressi particolarmente il sistema sanitario regionale. 

Sostegno alle Strutture per anziani

La Regione Toscana, su proposta dell'assessora al sociale, Serena Spinelli, ha adottato due delibere che interessano le Residenze Sanitarie Assistenziali (Rsa). Le delibere intervengono su due fronti al fine di garantire l'efficacia e la sostenibilita' del sistema. La prima si inserisce nel solco delle Ordinanze 93 e 112 e fornisce un indirizzo chiaro circa la modalità di gestione delle Rsa che abbiano ospiti positivi, definendo il riconoscimento dei costi e le forme di collaborazione tra Rsa e Aziende sanitarie, armonizzandole per le tre aree vaste. La seconda individua risorse da riconoscere alle Rsa sia per i maggiori costi sostenuti relativi alle misure di prevenzione e la sicurezza, sia per i minori ingressi registrati a causa delle misure anti-Covid, per un totale di 20 milioni di euro.

Lucca, terzo paziente curato con monoclonali

Terzo paziente curato con gli anticorpi monoclonali all'ospedale San Luca di Lucca. Si tratta di un giovane, di 38 anni, positivo al Coronavirus, individuato al pronto soccorso così come avvenuto anche per i primi due pazienti seguiti ocn la stessa cura, il 27 e il 29 marzo. La somministrazione della terapia, ricorda la Asl Toscana Nord Ovest, è indicata per persone con il Covid ma in condizioni cliniche lievi o moderate - che non hanno quindi necessità di essere ricoverate in ospedale - e che presentano alcuni specifici fattori di rischio.