Truffa da 40 mila euro: "Faccia un versamento": cade nel tranello a 50 anni

Un falso operatore di Poste Italiane ha convinto un castiglionese a farsi fare alcuni bonifici. Bloccato in extremis uno da 28 mila euro.

Truffa da 40 mila euro: "Faccia un versamento": cade nel tranello a 50 anni

Truffa da 40 mila euro: "Faccia un versamento": cade nel tranello a 50 anni

"Versi 40mila euro su questo conto, così da evitare le truffe". E invece proprio così era stato imbrogliato. Era un po’ come il sedicente carabiniere che si finge militare ma in verità è un truffatore: in questo caso il persoanggio in questione non indossava la divisa ma si professava come un operatore delle Poste Italiane.

Ovviamente non lo era e il motivo delle sue telefonate era molto più semplice di una consulenza: voleva aggraffare i soldi dei malcapitati che cascavano nel suo tranello. E non parliamo di spiccioli.

Dietro le quinte c’è un 54enne di origini napoletane, un vero e proprio esperto in materia secondo i militari dell’Arma, una sorta di truffatore seriale, che nei suoi confronti ha diverse denunce per precedenti simili. Il finto operatore aveva deciso di far squillare il telefono anche in provincia di Arezzo, in Valdichiana.

Dall’altra parte della cornetta c’era un cinquantenne di Castiglion Fiorentino al quale aveva consigliato di versare ben 40mila euro su un conto bancario per - ironia della sorte - evitare tentativi di truffa. Truffa che invece era stata proprio messa in atto proprio in quel frangente. Solo in un secondo momento l’uomo si è però reso conto di esser stato raggirato da un impostore che di certo non aveva a cuore i suoi risparmi. La vittima a questo punto si è rivolta, per presentare denuncia, ai carabinieri della stazione di Castiglion Fiorentino, che hanno fatto partire le indagini a 360 gradi.

I militari hanno controllato tabulati telefonici, conti bancari e alla fine sono riusciti a risalire, tramite l’Iban, alle generalità del truffatore che nei giorni scorsi è stata deferita dai militari dell’Arma. Intanto la vittima era stata contattata da un operatore postale - stavolta vero - che è riuscito a bloccare l’erogazione di 28mila euro. I restanti 12 mila sono invece ancora nelle disponibilità del partenopeo.

Intanto nei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Cortona, guidati dal capitano Antonio De Santis, hanno proseguito i controlli straordinari del territorio su tutta la vallata, soprattutto in un’ottica di prevenzione. Nei giorni, fra martedì e mercoledì, i militari hanno controllato circa 80 mezzi per un totale di 100 persone identificate.

L.A.