Quotidiano Nazionale logo
9 mag 2022

Thevenin, tutto esaurito alla cena di beneficenza dell'ordine di Malta

Il menù della cena è stato realizzato con i cibi usati a Malta per gli ospiti della Sacra Infermeria dei Cavalieri

featured image
Thevenin

Arezzo, 90 maggio 2022 - Grande partecipazione, ed esauriti tutti i posti disponibili, alla cena di beneficenza che si è tenuta a Casa Thevenin, a favore dell’Istituto, organizzata dalla sezione aretina dell’Ordine di Malta. Lucia Tanti, Vicesindaco di Arezzo, ha dichiarato: «Sempre più spesso la Fondazione Thevenin, accanto alla sua vocazione originaria, offre alla Città momenti di riflessione culturale e di scambio di idee. Ringrazio Sandro Sarri e il Prof Farnetani per averci regalato una serata di incontro e di saperi nel solco di una tradizione e di una esperienza straordinaria come quella dell'Ordine di Malta ancora oggi attivo e presente a fianco delle persone e della Città». Il menù della cena è stato realizzato con i cibi usati a Malta per gli ospiti della Sacra Infermeria dei Cavalieri, una prima assoluta perché è frutto di un’importante ricerca di storia della medicina realizzata da Italo Farnetani, Professore universitario, e Cavaliere dell’ Ordine di Malta. Il Professor Farnetani che prima dell’inizio della cena ha tenuto una conferenza, afferma: «La qualità del cibo distribuito negli ospedali giovanniti (l’attuale Ordine di Malta) era nutrizionalmente appropriato e garantiva la sicurezza alimentare. Già dal 1172, quando i Cavalieri erano ancora a Gerusalemme, era prescritto il pane bianco, il migliore, e la raccomandazione era importante perché dopo l’anno mille, con l’aumento della popolazione, si era avuto un incremento della produzione di cereali a scapito della qualità. A Rodi, ove i Cavalieri sbarcarono nel 1307, la pietanza quotidiana, oltre alla minestra, era la carne, ed era un privilegio perché la maggioranza della popolazione l’assumeva una o due volta l’anno. Trasferiti nel 1530 a Malta, nello Statuto del 1603 si prescrive un’alimentazione a base «di polli, galline, pane e vino». Questa direttiva è molto importante perché dimostra la cura nella scelta dei cibi, infatti le carni bianche, erano ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?