Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Tavolini in strada per tutta l’estate Verso la proroga fino a settembre

Il decreto bis sugli aiuti estenderà l’occupazione del suolo pubblico dal primo luglio a tutta l’estate. Sollievo dei locali. Chierici: "Evitiamo di ripartire da zero". Confcommercio: "È frutto di mesi di pressione"

alberto pierini
Cronaca

di Alberto Pierini L’avrebbero chiamata estate un’estate senza tavolini all’aperto? Purtroppo Bruno Martino, il re dei romantici, il cantante dei mesi caldi, non c’è più ma di sicuro qualche dubbio lo avrebbe avuto. E invece no. Dal comignolo del Senato si è levata una fumata bianca: che proroga il regime straordinario dei dehors e delle grandi apparecchiature nelle piazze fino al 30 settembre. Per ora un emendamento approvato in commissione ma non c’è ragione perché insieme a tutto il resto non arrivi sano e salvo fino all’approvazione definitiva del decreto. L’ennesimo decreto sugli aiuti, in particolare alle aziende provate dalla lunga pandemia e dalla guerra. Una fumata bianca che salva i giganti del turismo ma insieme ricuce a perfezione anche l’estate aretina. Motivo? Semplice. Alle regole precedenti, prima della notte dei dehors, l’occupazione straordinaria del suolo pubblico si sarebbe interrotta il 30 giugno. Dal primo luglio si sarebbe dovuto ricominciare non da tre ma da zero. Richieste di autorizzazioni, pareri delle Belle Arti, iter complessi e che probabilmente ci avrebbero accompagnato fino alla fine dell’estate. E invece tutto quello che è valido fino a giugno lo sarà nei successivi tre mesi. C’è solo un dubbio: che l’ok debba essere richiesto ai Comuni ma a questo punto è un dettaglio. "Non lo nascondo, per noi – risponde dal Comune l’assessore Simone Chierici – si tratterebbe di una gran bella notizia: quella cesura tra giugno e luglio sarebbe stata difficile da gestire e avrebbe portato a grossi problemi". Sul filo della proverbiale prudenza non dà ancora tutto per scontato. "Dico gatto quando l’ho nel sacco" commenta alla Trapattoni. Ma è chiaro che a meno di rivoluzioni il gioco è fatto. Ottimismo estremo anche dall’associazione commercianti, che da mesi si batte per questa soluzione. "L’approvazione di quell’emendamento – commenta la vicedirettrice Catiuscia Fei – è un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?