Sangio, dietro Antezza e davanti Rotondo. Due colpi di mercato per l’obiettivo salvezza

Il difensore e l’attaccante a disposizione di Rigucci: sono sette le operazioni in entrata e nove le cessioni. Organico rivoluzionato

Sangio, dietro Antezza e davanti Rotondo. Due colpi di mercato per l’obiettivo salvezza
Sangio, dietro Antezza e davanti Rotondo. Due colpi di mercato per l’obiettivo salvezza

Altri due volti nuovi, dal pomeriggio di ieri, nell’organico di Atos Rigucci. La Sangiovannese ha, infatti, ufficializzato gli ingaggi del difensore classe 1996 Stefano Antezza e dell’attaccante Niccolò Rotondo, 20 anni.

Il primo è un elemento di grande esperienza, ha giocato perlopiù al sud Italia non solo nella quarta serie nazionale ma anche tra i professionisti arrivando a collezionare circa 70 presenze, con qualche gol, in serie C (sulle oltre 200 totali).

Era in forza in questa prima parte di stagione agli abruzzesi del Notaresco dove ha disputato 14 partite perlopiù dal fischio iniziale. È stato ingaggiato per sopperire non soltanto alla partenza di capitan Rosseti ma anche per coprire il vuoto lasciato dall’altro centrale difensivo, il 22 enne Lorenzoni, che ne avrà per tutta la stagione causa rottura dei legamenti.

L’altra novità, anticipata da La Nazione nei giorni scorsi, è l’attaccante Niccolò Rotondo proveniente da Grosseto, sua città di nascita, dopo una prima parte di stagione dove ha trovato pochissimo spazio con appena cinque presenze all’attivo e 75 minuti giocati. Nel passato torneo si è contraddistinto come uno dei principali marcatori del gruppo biancorosso, 21 presenze e cinque reti prima che incappasse anche lui nella rottura dei legamenti del ginocchio, in occasione di una gara giocata della Viareggio Cup, che gli ha precluso di concludere la stagione. Fisicamente è però tornato integro, deve soltanto recuperare il ritmo partita e l’esperienza di San Giovanni potrebbe tornargli molto utile sotto questo punto di vista.

È la settima operazione in entrata messa a segno dalla società dall’inizio del mercato di riparazione, nove invece le partenze a testimoniare come sia stata fatta una profonda rivoluzione all’interno dell’organico allenato da Rigucci con l’intento di poter risalire la china della classifica e conquistare la permanenza in categoria.

Obiettivo non facile ma comunque alla portata di Baldesi e compagni che, questa domenica, affronteranno in casa il Ghiviborgo. Tante saranno ovviamente le novità, dalla difesa all’attacco sarà un 11 totalmente nuovo rispetto alle ultime apparizioni.

Massimo Bagiardi