Litiga e scappa da casa: la fuga nella notte di una 15enne, rintracciata a Saione

La discussione in famiglia e attorno alle 2 l’allontamento dall’abitazione. Scoperta l’assenza è stata attivata la task force per il ritrovamento. L’azione di Polizia, vigili del fuoco e Croce Bianca nelle operazioni

La task force formata da Polizia, vigili del fuoco e Croce Bianca
La task force formata da Polizia, vigili del fuoco e Croce Bianca

Arezzo, 31 dicembre 2023 – La discussione con i genitori tra le mura di casa, l’allontanamento nel cuore della notte e il ritrovamento ieri mattina dopo alcune ore di ricerca grazie al lavoro congiunto di forze dell’ordine, vigili del fuoco e volontari. Ore di angoscia quelle vissute da una famiglia italiana, residente alla periferia di Arezzo, e più precisamente nella zona di Battifolle per il gesto della figlia 15enne. La ragazza, tornata a casa dopo aver trascorso del tempo fuori con gli amici, ha avuto una discussione con i genitori. Un rimprovero, qualche parola forse giudicata troppo severa o male interpretata, un richiamo non accettato, sta di fatto che la 15enne nel cuore della notte - presumibilmente attorno alle 2 - ha deciso di lasciare l’abitazione eludendo il controllo dei genitori. La ragazza avrebbe preso alcuni indumenti, un ricambio, lasciando il suo smartphone a casa, è uscita dalla propria camera, allontanandosi dall’abitazione.

Da capire se ad attenderla nei pressi di casa ci fosse qualche conoscente, un amico, comunque un maggiorenne alla guida di un’automobile, o magari un coetaneo in possesso di un motorino visto che la ragazza - stando ad una prima ricostruzione di quanto accaduto - si sarebbe diretta verso il centro, coprendo la distanza tra Arezzo e Battifolle che è superiore ai 7 chilometri. Oppure se ha fatto a piedi questo tragitto, avventurandosi nella notte da Battifolle a Ponte a Chiani e da qui verso il cuore della città. Di certo c’è che ieri mattina poco dopo le 7 è scattato l’allarme. I genitori si sono resi conto che non era in casa e che soprattutto non aveva trascorso qui la notte. Dopo l’iniziale spavento è partita la chiamata alle forze dell’ordine. Sulle sue tracce si sono messi i poliziotti della squadra volante della questura di Arezzo, diretti dal dirigente Marco Gallorini. È stata attivata una vera e propria task force coordinata dalla prefettura di Arezzo che oltre agli agenti della Polizia di Stato ha visto entrare in azione anche due squadre dei vigili del fuoco oltre ad una ambulanza della Croce Bianca di Arezzo. Attivato anche l’elisoccorso Drago, mentre a terra forze dell’ordine e volontari hanno iniziato a battere palmo a palmo alcune zone e quartieri della città, non potendo infatti contare su alcun aiuto dal cellulare della ragazza, lasciato a casa.

Le ricerche hanno dato i loro frutti, davvero in pochissimo tempo. Attorno alle 9 ai genitori è arrivata la buona notizia. La 15enne è stata infatti rintracciata nei pressi di un bar della zona Saione. Era in buone condizioni di salute nonostante la notte trascorsa lontano da casa. Gli agenti della volante, dopo il ritrovamento, hanno riaccompagnato la ragazza a casa al termine di ore di angoscia provate dalla famiglia che dal litigio ha vissuto una giornata davvero concitata e con l’apprensione di non sapere dove fosse finita la 15enne.