FOIANO
Cronaca

Investito e ucciso mentre va al bar. La fine di un artigiano di Foiano

Mario Vannucci, 80 anni, da tempo abitava a Campi Bisenzio, nel Fiorentino. La tragedia all’alba. Era uscito di casa per andare a fare colazione: l’automobilista indagato per omicidio stradale.

Investito e ucciso mentre va al bar. La fine di un artigiano di Foiano

Investito e ucciso mentre va al bar. La fine di un artigiano di Foiano

di Luca Amodio

Ancora sangue sulle strade, ancora un morto aretino. E’ stato investito da un’auto mentre stava andando a fare colazione al bar. Così ha perso la vita Mario Vannucci, 80 anni, originario della Chiana, a Campi Bisenzio, nel Fiorentino. Era uscito di prima mattina, erano appena le 7, per andare a prendere un caffè al bar, ieri l’altro, ma in via di sant’Angelo un’auto lo ha travolto in pieno, poco lontano da dove l’uomo viveva. L’autista si è fermato a prestare soccorso all’uomo e così è partita immediata l’allarme agli operatori del 118 che con le ambulanze dei volontari della Misericordia di Carmignano e Poggio a Caiano a sirene spiegate sono arrivati sul luogo dell’incidente per trasportare l’anziano all’ospedale Careggi di Firenze. All’ospedale del capoluogo si è tentato il tutto per tutto ma le ferite riportate nell’impatto erano troppo gravi: così nel giro di qualche ora Mario Vannucci si è spento.

Le dinamiche dell’impatto non sono ancora chiare: a ricostruire nei contorni quanto successo nel comune della città metropolitana di Firenze saranno gli agenti della polizia municipale presenti sia per i rilievi che per le successive operazioni di bonifica che hanno bloccato il traffico lungo l’arteria. Intanto sulla scrivania di Palazzo di Giustizia di Firenze è stato aperto un fascicolo per chiarire le responsabilità dell’uomo alla guida dell’auto, un 54enne di Poggio a Caiano (Prato). Nei suoi confronti i magistrati procederanno per omicidip stradale. L’auto su cui viaggiava l’investitore è stata sequestrata: a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Dolore e sconforto nella frazione di Sant’Angelo, al confine tra Signa e Campi Bisenzio, là dove Mario Vannucci so era trasferito da giovane insieme ai fratelli, in quella ondata migratoria degli anni ‘50 e ‘60 che ha visto tanti chianini spostarsi alla ricerca di fortuna nel Nord della Toscana tra Firenze e Prato, per l’appunto. Qui Vannucci aveva iniziato a lungo come artigiano, pare nel settore degli infissi e delle persiane. La tragedia avviene solo a pochi giorni di distanza ad un’altra morte sulle strade. Pochi giorni fa è morto un cittadino indiano che lo scorso 29 agosto venne travolto a bordo della sua bicicletta da un’auto nel territorio di Monte San Savino.