Giornata di preghiera e digiuno

L'assemblea degli Ordinari cattolici della Terra Santa ha indetto un giorno di digiuno, preghiera e astinenza, osservato anche nella diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro. Il vescovo guiderà la preghiera del Rosario davanti alla Madonna del Conforto. Preghiera in diretta in tutta la Toscana.

L’assemblea degli Ordinari cattolici della Terra Santa, l’organismo che raccoglie tutti i capi delle numerose Chiese cattoliche di diverso rito presenti in quei luoghi, con una lettera diffusa in questi giorni e firmata dal suo presidente, il neo cardinale Pierbattista Pizzaballa, patriarca di Gerusalemme dei Latini, nell’esprimere "il dolore e lo sgomento per quanto sta accadendo", ha indetto per oggi un giorno di digiuno, di astinenza e di preghiera.

La giornata di preghiera, digiuno e astinenza sarà osservata pure nella diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, che così intende anche rinsaldare il suo speciale legame di comunione con la Chiesa di Gerusalemme, sancito nel gemellaggio siglato il 25 settembre 2010 nella cornice istituzionale della Sala dei Grandi della Provincia. Il vescovo ha invitato tutti i sacerdoti e le relative comunità a pregare per la pace secondo l’intenzione suggerita dalla Conferenza episcopale italiana nella celebrazione euristica di di oggi.

Nella diocesi la giornata di digiuno, preghiera e astinenza di oggi vedrà il suo momento centrale nella Cattedrale di Arezzo, dove alle ore 19.15 il vescovo guiderà la preghiera del Rosario davanti alla Madonna del Conforto. Il momento di preghiera in Cattedrale sarà trasmesso in diretta in tutta la Toscana dall’emittente diocesana Telesandomenico.