Firenze, 26 aprile 2017 - Dopo il grido d'allarme lanciato nei giorni scarsi dai tassisti, oggi fanno sentire la loro voce, sul caos mobilità, i rappresentanti sindacali di Ataf. "Abbiamo letto le dichiarazioni dell’assessore Giorgetti, riguardo le ultime modifiche viarie e di cantieri, facenti riferimento all’ultimo sforzo da sopportare. Non di sforzo si tratta, sono mesi che il servizio di Ataf è totalmente in balia degli eventi: qui è una continua agonia della quale si stenta a vedere la fine”.

Il 'grido' di aiuto per la condizione in cui versa il trasporto cittadino su gomma arriva da Michele Lulurgas di Filt Cgil Ataf Gestioni. “Sono mancate le necessarie decisioni atte a privilegiare il trasporto pubblico rispetto a quello privato - aggiunge -. Se di sforzi si doveva parlare, forse sarebbe stato opportuno dire che questi dovevano essere chiesti a chi è abituato a muoversi coi mezzi privati, offrendo in alternativa un servizio pubblico efficiente, puntuale ed affidabile, cosa che oggi non è. E se l’assessore Giorgetti non si fida delle nostre parole, chieda a chi attende il bus alle fermate, chieda ai turisti che idea si sono fatti del Trasporto pubblico locale nella nostra città durante le ultime festività, chieda a chi la domenica deve prendere un bus, specialmente se transita per la stazione. E al sindaco Nardella invece proponiamo, dopo il suo tutorial sulla nuova viabilità in auto, un’altra bella idea: perché non fa un tutorial su come si viaggia in città utilizzando i mezzi pubblici, magari in ora di punta?”.

Ora gli autisti dell'Ataf  sono pronti a mettere in atto un'eclatante protesta. "Ancora una data certa non c'e', la definiremo nelle prossime ore. Di sicuro c'e' una cosa: scioperiamo". 

Da quanto si apprende, infatti, sono state le recenti dichiarazioni del sindaco Dario Nardella ad innalzare la temperatura all'interno della Rsu: "Le strade sono invase dai cantieri e il sindaco parla di disservizi e da' mandato alla Citta' metropolitana di controllare e eventualmente multare Ataf". Affermazioni battezzate dai lavoratori "poco felici e fuori luogo". Gli autisti Ataf, infine, cercheranno di allargare il fronte del malcontento coinvolgendo nella protesta anche i tassisti, perche', "come noi patiscono questa situazione tutti i giorni, visto che sono bloccati in mezzo al traffico. Fermi con noi".

Intanto, dopo l'incontro col coordinamento dei lavori della tramvia, Socota Radio Taxi Firenze 4242 "giudica positivamente" le decisioni prese oggi nella riunione del coordinamento dei lavori della tramvia. Da stasera sarà infatti nuovamente a disposizione un tratto della doppia corsia in uscita sul controviale Strozzi verso viale Lavagnini, in modo da agevolare l'uscita dall'area della stazione. Sono infatti completati una parte dei lavori della posa delle nuove condutture dell'acquedotto e quindi è possibile ridurre l'area di cantiere. Venerdì i lavori saranno completati e la corsia tornerà completamente transitabile.

"La situazione del traffico dovuto ai cantieri della tramvia - spiega Riccardo Senesi, responsabile Mobilità del 4242 - ci stava oggettivamente penalizzando e causando seri problemi. Salutiamo positivamente le decisioni prese oggi, che fluidificano una parte importante del traffico veicolare". Nella riunione del coordinamento dei lavori della tramvia sono state anche esaminate altre ipotesi di modifiche che però non sono attuabili per problemi di sicurezza e anche perché l'avanzamento dei cantieri comporterà a breve una ulteriore variazione in vista dell’apertura del sottopasso Strozzi-Strozzi. Nella riunione è stato inoltre deciso di regolare diversamente i tempi dell’incrocio semaforizzato tra viale Milton-via Leone X allungando la fase per la direttrice con maggior tempo sul viale Milton, in modo da fluidificare la circolazione diretta principalmente al sottopasso.