Firenze, 26 luglio 2017 - "Io con il mostro di Firenze non c'entro niente": dice questo di fronte alle telecamere de La Nazione Giampiero Vigilanti, 86 anni, l'uomo messo sotto torchio per i delitti del mostro, che insanguinarono la Toscana negli Anni Ottanta. L'uomo parla di fronte a casa sua. Racconta dei tanti interrogatori a cui è stato sottoposto. "Ma da questi non ci hanno ricavato niente, io sono innocente". L'uomo racconta anche del suo passato. Conosceva Pacciani molto bene. Lo aggredì per motivi di lavoro.

"Rubò il posto a mio padre - dice - Andai io a discutere con Pacciani e gli detti una bastonata, non mi ha mai denunciato". Ex legionario, Vigilanti è stato accompagnato più volte sui luoghi dei delitti. Questa silenziosa svolta nell'indagine aperta dal procuratore Paolo Canessa con l'aiuto del collega Luca Turco apre anche un'inedita "pista nera": i delitti sarebbero stati commessi per distrarre i magistrati dall'attività eversiva dell'epoca. 

Parla anche la moglie di Vigilanti. "Finché non si risolverà la questione delle pistole non finirà". Il riferimento è a quattro armi da fuoco con le quali l'ex legionario dice di essere andato a sparare solo al poligono di tiro e che sarebbero state in passato anche oggetto di un furto subito dall'uomo. La donna, 55 anni, dice: "Sono molto preoccupata" per gli effetti mediatici della nuova indagine, soprattutto per i figli. "Ogni tanto - racconta - negli anni, qualcuno dei carabinieri lo viene a cercare per questa storia. Finché non si risolverà la questione delle pistole non finirà". "Lui e Pacciani erano dello stesso paese, si conoscevano come due che si vedono in chiesa la domenica. Non so di più", afferma la donna.