L’attività degli addetti al reparto Covid del «Versilia» è ancora frenetica: ieri i ricoverati erano 113
L’attività degli addetti al reparto Covid del «Versilia» è ancora frenetica: ieri i ricoverati erano 113
Col ritorno all’ordinaria attività di laboratorio post pasquale sono ridiventati "normali" i nuovi contagi giornalieri: 65 casi, ma la percentuale di positività dei tamponi effettuati è il 9%, cioè si sta mantenendo tendenzialmente più bassa rispetto alla media degli ultimi 7 giorni, 13%. Viene segnalato un altro decesso, quello di Giuseppe Ratti di Viareggio, di 85 anni: abitava al Varignano e i funerali si terranno oggi alle 15,30 al cimitero comunale. Mentre la famiglia di Faliero Mutti, incluso dall’Asl tra i defunti Covid dei giorni scorsi, segnala che il congiunto era stato contagiato...

Col ritorno all’ordinaria attività di laboratorio post pasquale sono ridiventati "normali" i nuovi contagi giornalieri: 65 casi, ma la percentuale di positività dei tamponi effettuati è il 9%, cioè si sta mantenendo tendenzialmente più bassa rispetto alla media degli ultimi 7 giorni, 13%.

Viene segnalato un altro decesso, quello di Giuseppe Ratti di Viareggio, di 85 anni: abitava al Varignano e i funerali si terranno oggi alle 15,30 al cimitero comunale. Mentre la famiglia di Faliero Mutti, incluso dall’Asl tra i defunti Covid dei giorni scorsi, segnala che il congiunto era stato contagiato durante il ricovero in ospedale per una grave patologia cronica, ed è successivamente morto a causa di essa e non per la Sars-Cov2.

I nuovi positivi registrati ieri vanno letti anche attraverso la loro incidenza sulla popolazione, espressa in percentuale su centomila abitanti: Seravezza 11 casi, 86,11 per centomila; Stazzema 2 casi, 67,61; Pietra santa 10, 43,48; Ricamatore 13, 41,21; Viareggio 22, 36,36; Forte dei Marmi 2, 28,13; Massarosa 5, 23,13. L’intera Ersilia è al 39,9, prima in Toscana a che davanti al 35,36 della provincia di Firenze, mentre in tutta la provincia di Lucca i nuovi positivi sono 114, pari al 29,80 per centomila: tutto questo conferma che la diffusione virale è più forte sulla costa. Ieri sono stati fatti 676 tamponi (e 50 test rapidi), con tasso di positività del 9%. A fronte di 65 nuovi positivi ci sono state 82 guarigioni. Al "Ersilia" erano ricoverate 113 persone di cui 12 in terapia intensiva (il picco dei ricoveri è stato il 2 aprile con 118). Per un confronto, negli ultimi 7 giorni ci sono stati 482 casi, pari al 13% di positività di 2.932 tamponi, e 494 guarigioni. Il picco di tamponi positivi c’è stato il 3 aprile col 24%, corrispondente al picco giornaliero di nuovi positivi, 107. Le presenze medie in ospedale sono state 111 (12 in intensiva), con 23 decessi.

Il tasso cumulato di nuovi positivi in 7 giorni, espresso in centomillesimi, colloca come sempre la Versilia al top dell’Asl Nord Ovest, con un indice medio di 296,1: Camaiore 377,26; Seravezza 352,28; Stazzema 338,07; Massarosa 305,34; Viareggio 280,94; Forte dei Marmi 267,19; Pietrasanta 230,46. Solo Pietrasanta è al di sotto della soglia critica di 250 ma si nota anche che Viareggio, nonostante la maggiore concentrazione demografica rispetto agli altri Comuni, nei 7 giorni è scesa sotto 300 e sembra approssimarsi al tetto di 250. E’ l’effetto della zona rossa istituita una settimana prima che nel resto della Versilia? In generale la situazione resta critica: nell’Asl Nord Ovest solo la zona livornese è sopra 250 (253,4), tutte le altre sono sotto il livello di guardia.

Quanto ai vaccini, ieri in Versilia sono state somministrate 716 prime dosi e 174 seconde dosi. Negli ultimi 7 giorni sono state 3.960 prime dosi e 918 seconde dosi. Dall’inizio della campagna vaccinale l’Asl ha somministrato 21.747 prime dosi e 8.061 seconde dosi, delle quali 8.079 a ultra ottantenni (il 43% ha ricevuto solo la prima dose).

b.n.