Le ricerche e la gente sul pontile (Foto Umicini)
Le ricerche e la gente sul pontile (Foto Umicini)

Forte dei Marmi, 6 luglio 2020 - Proseguono le ricerche del diciottenne disperso da domenica in mare dopo un tuffo dal pontile di Forte dei Marmi dove il ragazzo era arrivato da Parma insieme a una comitiva di amici. Le ricerche, con il coordinamento effettuato dalla Direzione marittima della Toscana di Livorno, stanno proseguendo via aerea con l'impiego di elicotteri che sulla superficie con motovedette della guardia costiera e l'impiego di sommozzatori.

Sul posto ci sono motovedette e gommoni della capitaneria, per pattugliare la zona in superficie, con i sub dei vigili del fuoco che si alterneranno con quelli della guardia costiera e nel pomeriggio con il gruppo sub della Gdf di Livorno. Stesso discorso per l'impiego dei mezzi aerei: si alterneranno in volo gli elicotteri di guardia costiera, vigili del fuoco e guardia di finanza.

Arriva anche una precisazione: inizialmente si era parlato di un ragazzo di origini indiane, oggi si apprende che invece le origini del ragazzo sarebbero ghanesi.

La scomparsa

Accade tutto intorno alle 12.40. Il gruppo è al mare, sul pontile di Forte dei Marmi. Sembra che il ragazzo si sia tuffato ma non sia più risalito. I ragazzi non lo vedono, si allarmano e chiamano dopo poco i soccorsi. 

Le ricerche

Viene subito setacciato il tratto di spiaggia di fronte all'arenile di Forte dei Marmi. In azione una motovedetta della Capitaneria di Porto di Viareggio, le moto d'acqua dei sommozzatori dei vigili del fuoco, un elicottero dei vigili del fuoco nonche' i bagnini degli stabilimenti balneari della zona. La tanta gente al mare nel primo weekend di luglio segue con apprensione le ricerche, perché intanto la voce che un ragazzo è scomparso dopo un tuffo si diffonde. 

Le ipotesi

Il ragazzo potrebbe aver avuto un malore. Le ricerche, con gli amici in preda all'angoscia che hanno seguito le operazioni, proseguono fino a sera ma del diciottenne nessuna traccia.