Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
4 ago 2022

La "Croisette" viareggina ora è un deserto Luci spente per sempre e un silenzio tombale

La città era la seconda piazza toscana per sbigliettamento. Poi gli spettatori sono andati altrove e la pandemia ha dato il colpo di grazia

4 ago 2022

Tra gli effetti collaterali della pandemia da Covid-19 c’è anche quello, imprevisto, di aver fatto risuscitare le sale cinematografiche estive all’aperto. Ce n’erano parecchie, in tutti i Comuni versiliesi, negli anni d’oro del cinema. A Viareggio si ricordano ancora il Garden e il Blow up e prima ancora il Nettuno (sì, c’era anche lì un cinema all’aperto). Tutti chiusi, uno dopo l’altro, ma ai giorni nostri l’idea dell’arena estiva è tornata di moda, sospinta dalle cautele contro il contagio: così nella nostra città l’Arena del Palazzo delle Muse propone con discreto successo i film sotto le stelle. Per il resto, oggi il panorama cinematografico viareggino è desolante: tutte le sale della Passeggiata sono chiuse. Eppure Viareggio aveva superato quasi indenne la grande crisi dell’esercizio cinematografico post 1975, susseguente all’affermazione delle televisioni private. In Italia, per effetto di questa rivoluzione e del cambiamento delle abitudini, molte sale hanno chiuso dopo il giro di boa degli anni Settanta: erano circa 11.000 nel 1975, nel 1990 si riducono a meno di 3.300. Bisogna dire che Viareggio in quella fase storica (1975-1998) riesce a tenere la rotta nonostante la tempesta. Nel 1991 perde il Supercinema ma conserva un nucleo di sale concentrate sulla Passeggiata (Politeama, Odeon, Eden, Eolo), dislocate nel salotto buono cittadino, a poca distanza una dall’altra. Quasi una multisala naturale ante litteram, cui si potevano aggiungere il Goldoni e il Centrale e – sia pure aperto a intermittenza – il Principe di Piemonte. Così Viareggio, anche grazie alle prime visioni e alle anteprime, riesce ad attirare un ampio bacino di spettatori dalle province vicine. L’effetto? Una serie di record, che hanno resistito dal 1975 sino quasi alla fine degli anni ‘90. Intanto, come numero di biglietti venduti nel corso dell’anno, in questo periodo Viareggio vanta il secondo posto assoluto in Toscana, subito ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?