Un momento dell'incendio
Un momento dell'incendio

Marina di Pietrasanta (Lucca), 12 settembre 2021 - Alcune candele accese durante una veglia funebre: sarebbe partito da qui l'incendio che ha interessato un intero palazzo di Marina di Pietrasanta, con una persona ustionata e altre due in ospedale per aver inalato fumo. Più venti persone che al momento non hanno una casa, visto che gli appartamenti sono inagibili.

Alcuni intaccati dalle fiamme e altri invasi dal fumo. E' stata una notte di paura quella tra sabato e domenica in via Ficalucci a Marina di Pietrasanta. Solo la prontezza di alcuni condomini, che hanno avvisato gli altri che dormivano, ha impedito che il bilancio del rogo fosse molto più pesante.

Fiamme che sarebbero inizate a causa di alcune candele, sistemate e accese per la veglia funebre di un ottantenne morto il giorno prima, per il quale la famiglia attendeva i funerali. Intorno alle due le fiamme, partite dal secondo piano. In poco tempo il fumo ha invaso il vano scale e gli altri appartamenti. Svegliati di soprassalto, venti persone in tutto, ovvero quelle che erano nell'appartamento, sono riuscite a fuggire.

Era intanto stato dato l'allarme ai vigili del fuoco, arrivati da più caserme. Hanno aiutato i condomini a uscire, mentre nel frattempo arrivavano anche le ambulanze del 118. Il bilancio è di due persone leggermente intossicate ma già dimesse e di una donna di ottant'anni con ustioni e trauma facciale. La donna è stata prima portata all'ospedale Versilia e poi trasferita al Centro grandi ustionati di Cisanello. 

La palazzina è di proprietà del Comune e adibita ad edilizia residenziale pubblica, in gestione all'Erp Lucca. A margine del rogo il sindaco Giovannetti ha spiegato che il Comune si è subito attivato «per rimettere a posto gli alloggi» e "sono in corso verifiche sul vano scale per accedere agli appartamenti non toccati dal fuoco. L'incendio è scoppiato nella notte e alcuni inquilini hanno avvertito delle fiamme gli altri abitanti dello stabile che stavano dormendo, evitando così il peggio".

Gli appartamenti intanto sono inagibili. Le famiglie, aiutate dal personale dei vigili del fuoco, recuperano intanto gli effetti personali dagli appartamenti. Delle persone rimaste provvisoriamente senza casa, due sono state sistemate in hotel e le altre da familiari.