Hotel, c’è super fermento. Baglioni pronto nel 2026: ci sono altre catene interessate

L’ex Paradiso al Mare avrà un rooftop panoramico e spa da 300 metri quadrati. Intanto nella primavera del 2024 opening di Casa Maitò con cucina top

La catena Baglioni hotel da mesi ha montato il cantiere all’ex Paradiso al mare

La catena Baglioni hotel da mesi ha montato il cantiere all’ex Paradiso al mare

Forte dei Marmi, 28 dicembre 2023 – Il business plan di Baglioni hotel & resorts parla chiaro: la nuova struttura lusso sarà pronta nel 2026. Ed è uno degli esempi di investimenti d’eccellenza nell’ospitalità, che non sembrano trovare un freno visto che anche catene come Mandarin Oriental e Four Seasons, oltre all’italiana Starhotels, starebbero cercando location. Il cantiere nell’immobile ex Paradiso al mare è allestito da tempo per trasformare quell’albergo ’3 stelle’ in una realtà ricettiva 5 stelle lusso tipica del brand Baglioni.

I lavori di ristrutturazione vedranno la realizzazione di 58 suite e camere – con un ridimensionamento quindi rispetto alle 65 originarie – e la creazione di un rooftop vista mare con bar, palestra, piscina e spa (da 300 metri quadrati) dalle suggestive vetrate. L’operazione va ad inserirsi nel piano aziendale triennale che prevede, appunto, di arrivare nel 2026 ad un totale di 15 strutture. Per il 2025 è atteso il re-opening dell’ex hotel Areion, proprio di fronte alla Capannina: l’edificio è stato completamente raso al suolo ad ottobre ed il progetto parla di un’immagine più moderna e in linea con gli standard di richiesta internazionale: l’albergo del futuro avrà piscina, due ristoranti e parcheggio interrato.

Intanto proseguono i lavori per la nascita di Casa Maitò (ex Giada), realtà che verrà integrata con Maitò Beach e il ristorante Maitò 1960 del gruppo Nesti: l’opening è previsto in primavera 2024 e già si sussurrano ambienti con spazi espositivi dedicati a autori ai massimi livelli del panorama artistico internazionale e uno chef stellato che seguirà la brigata di cucina. Altra novità della stagione 2024 sarà il Nautilus di via Mazzini che a settembre è passato di mano: a rilevarlo la Forte Real Estate srl di Milano interessata a trasformare il ’3 stelle’ – recentemente ristrutturato con 22 camere doppie, bar, spazio giardino esterno, oltre all’ampia sala ristorante da 50 posti – in un boutique hotel ai massimi livelli d’accoglienza.

In dirittura d’arrivo anche il restyling dell’ex pensione America della famiglia Maestrelli (che recentemente ha acquistato anche il bagno Assunta a Roma Imperiale), così come non dovrebbero essere lunghi i tempi di ristrutturazione di Villa Elena: la storica residenza sul viale Morin – rimasta ’2 stelle’ – è recentemente stata venduta dalla famiglia Vettori ai Pinzauti, imprenditori fiorentini che con Leo France producono bigiotteria e accessori per i più grandi brand della moda. E che già da qualche anno hanno acquisito il bagno Santa Maria.