Giacomo Verde
Giacomo Verde

Viareggio, 3 maggio 2020 - Lutto nel mondo della cultura e dell’arte, è scomparso all’età di 64 anni il videoartist Giacomo Verde, tra i pionieri nel campo della sperimentazione con le arti elettroniche in Italia e inventore del tele-racconto; dove la telecamera riprende piccoli oggetti animati dal narratore in tempo reale e il televisore li ritrasmette in diretta. Originario di Napoli, da oltre vent’anni Verde si era trasferito e nell’esperienza dell’Officina d’arte fotografica e contemporanea “Dada Boom” al Varignano aveva trovato nuove ispirazioni. Docente all’accademia delle Belle Arti di Carrara e di Torino, era in procinto di ottenere anche la cattedra di Venezia; poi la comparsa di una malattia spietata ha interrotto il suo percorso. Una vita dedicata alla ricerca del bello e del giusto con l’impegno nella cultura e nell’arte; schierato dalla parte dei movimenti ha prodotto video documenti molto conosciuti “Come s’era tutti sovversivi” dedicato a Franco Serantini o “Solo Limoni” sui fatti del G8 di Genova. Fin da subito è stato sostenitore dell’Officina “Dada Boom”, attivo nel museo popolare della pineta, e attivissimo nel rilanciare il Carneval Varignano quest’anno aveva partecipato anche alla canzonetta dei rioni.