Eccellenze della nautica. Alla Gianneschi una convention con collaboratori e rivenditori

I fratelli Alessandro e Cristiano hanno fatto il punto sullo studio dei nuovi prodotti "Abbiamo avuto operatori provenienti da tutto il mondo: dalla Turchia alla Thailandia".

Eccellenze della nautica. Alla Gianneschi una convention con collaboratori e rivenditori

Eccellenze della nautica. Alla Gianneschi una convention con collaboratori e rivenditori

VIAREGGIO

La Gianneschi Pumps and Blowers, azienda leader in Italia per gli accessori di bordo come pompe di sentina, ventilatori, boiler e molto altro, con sede alle Bocchette, ha tenuto la prima “Convention Academy per la Formazione” dedicata ai collaboratori e ai rivenditori italiani ed esteri. Questi ultimi, circa 120, sono arrivati da Turchia, Regno Unito, Spagna, Germania, Polonia, Croazia, Slovenia, Grecia, Malta, Hong Kong, Tailandia, Australia. Ne parliamo con i fratelli Alessandro (anche vice presidente nazionale di Confindustria Nautica) e Cristiano Gianneschi, proprietari e amministratori dell’azienda di famiglia, fondata nel 1969 dal padre Luigi.

Alessandro, qual è stato l’input per organizzare questo meeting?

"Era importante riunire nel nostro stabilimento per un paio di giornate i collaboratori, i rivenditori e quanti gravitano nell’azienda per fare il punto su vari aspetti della nostra realtà".

Per cosa, in particolare?

"A cominciare dallo studio in aula su vari argomenti: nuovi prodotti, mercati italiano e estero, potenzialità industriali e via dicendo. Poi abbiamo coinvolto gli ospiti nelle operazioni produttive vere e proprie, attività che pochissime altre aziende fanno".

Cristiano è il responsabile tecnico dell’azienda. Come procedete nello sviluppo dei prodotti?

"I prodotti del core business hanno da sempre la massima attenzione. Dal punto di vista tecnico siamo in grado di offrire soluzioni puntuali. Il metodo più importante resta comunque la primissima scelta delle materie prime, come ad esempio l’acciaio inox, la tecnologia interna sempre in sviluppo, il saper fare dei dipendenti".

Walter Strata