Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
29 giu 2022

Pirlo, salta l’acquisto della mega villa. Il proprietario russo è finito nei guai

Il campione del mondo aveva già versato la caparra per una dimora da sogno al Forte dei Marmi

29 giu 2022
paolo di grazia
Cronaca
featured image
Andrea Pirlo (foto da Instagram)
featured image
Andrea Pirlo (foto da Instagram)

Forte dei Marmi (Lucca), 30 giugno 2022 - Lusso sfrenato e ville da sogno. Sono l’emblema, da sempre, delle vacanze a Forte dei Marmi, ambite e ricercate dal jet set internazionale. Ma non sempre è tutto oro quello che luccica. Il Tribunale civile di Lucca, infatti, ha disposto il sequestro conservativo di due ville a Roma Imperiale di proprietà di un russo e sulle quali aveva messo gli occhi l’ex allenatore della Juventus Andrea Pirlo, storico frequentatore della spiaggia versiliese e che già aveva versato, a titolo di caparra, mezzo milione di euro. Tutto fermo però. E non per colpa di Pirlo, completamente all’oscuro dei problemi legali che invece fanno capo al proprietario, un oligarca russo, molto vicino – si sussurra – a Putin.

La storia delle due ville – sostanzialmente collegate in modo da formare un unico complesso residenziale – inizia nel 2018 quando un imprenditore russo di mezza età, bussa alla porta di un’agenzia immobiliare di Forte dei Marmi, specializzata proprio nella compravendita di immobili di lusso. I mediatori dell’agenzia sono i primi a mostrare al compratore le ville e insieme a lui tornano sul posto almeno altre 3-4 volte. Nel 2020 l’imprenditore russo acquista le due ville sborsando per entrambe la ragguardevole somma di 7,2 milioni di euro. Ma senza riconoscere i servizi di consulenza – stimati in circa 200-250 mila euro – all’agenzia immobiliare. Pertanto quest’ultima, tutelata dall’avvocato Tommaso Bertuccelli, fa causa all’imprenditore dando inizio a una causa civile che è attualmente in corso.

Nel frattempo scoppia la crisi Russia-Ucraina con i bombardamenti e le sanzioni Ue che vanno a colpire Putin e gli oligarchi. E’ anche per questo motivo che il magnate russo entra nell’ordine di idee di disfarsi delle due ville, sulle quali mette gli occhi Pirlo. La trattativa è più che avanzata: il campione del mondo del 2006 il 30 maggio ha versato a titolo di caparra 500mila euro, impegnandosi a saldare il conto (2,6 milioni) entro il 31 agosto per completare l’acquisto, assicurandosi nel contempo l’opzione di acquisto della seconda villa.

Ma il paese è piccolo e la gente mormora. La trattativa è arrivata alle orecchie degli agenti immobiliari in causa con il proprietario, i quali per correre ai ripari, hanno dato mandato all’avvocato Bertuccelli di chiedere il sequestro conservativo dei due immobili. Per evitare, così, di ritrovarsi un domani con un pugno di mosche in mano: dovessero infatti vincere la causa non avrebbero più nulla su cui rivalersi. Proprio ieri il giudice Michele Fornaciari del Tribunale civile di Lucca ha disposto il sequestro conservativo delle due ville, bloccando di fatto la vendita. E così Pirlo – che nel frattempo ha trovato in Turchia la panchina per continuare la sua carriera da allenatore – dovrà ancora attendere per entrare nella sua villa da sogno al Forte.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?