Torna a casa un trittico del ’400 . Fondazione Carifol compra all’asta

Investiti quattrocentomila euro da Sotheby’s per l’opera del pittore folignate Giovanni di Corraduccio .

Torna a casa un trittico del ’400 . Fondazione Carifol compra all’asta

Torna a casa un trittico del ’400 . Fondazione Carifol compra all’asta

Un grande dono per la città e per il suo patrimonio artistico. La Fondazione Cassa di Risparmio, nell’asta serale del 3 luglio scorso di Sotheby’s è riuscita a riportare a Foligno un’opera del pittore folignate Giovanni di Corraduccio. Si tratta del trittico ‘La Vergine in trono col Bambino e Santi e scene della vita della Vergine e di Santa Chiara’, risalente al ‘400. "Il significativo acquisto – dice l’ente di Palazzo Cattani – rappresenta un ulteriore passo avanti nell’impegno della Fondazione per il recupero, la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico e artistico locale e ribadisce il suo ruolo di custode delle radici culturali nazionali, offrendo alla comunità e ai visitatori un’opportunità unica di ammirare un pezzo di grande valore storico e artistico". Grande la soddisfazione della presidente della Fondazione, Monica Sassi, per un’opera ottenuta con una cifra che si aggira intorno a 400mila euro: "Siamo molto felici di tale acquisto che consideriamo un momento fondamentale, all’interno del nostro mandato, dell’impegno e della sensibilità della Fondazione in ambito artistico. Un momento che consolida il ruolo trentennale della Fondazione quale attore strategico nel processo di crescita di una comunità. Voglio ringraziare tutto il Cda, che ha fin da subito creduto in tale operazione culturale dimostrando grande competenza, capacità prospettica e solida determinazione nel perseguire questo risultato; l’intero board, costituito dai consiglieri Donatella Barbabianca Filippi, Rosa Bisogni, Emanuele De Donno e dal vicepresidente Paolo Verducci, che ha voluto infatti seguire con assoluto interesse questa opportunità , segnalataci dalla Galleria Nazionale dell’Umbria che ringrazio, e solo la nostra volontà ci ha permesso di prevalere sui diversi player del mercato d’arte intervenuti in asta". "Ringrazio il nostro segretario generale, Cristiano Antonietti, che ha curato l’intera trattativa ed è intervenuto in asta con competenza ed efficacia". aggiunge la presidente Sassi, ricordando come l’intervento rientri in una logica di diversificazione dell’investimento. Fondazione Carifol è pronta, a breve, a presentare l’opera in una conferenza e in una mostra.

Alessandro Orfei