Nel riquadro la vittima, Mattia Romani
Nel riquadro la vittima, Mattia Romani

Perugia, 5 agosto 2021 - Era in sella alla sua amata moto. Stava percorrendo strada Tiberina Nord, a Solfagnano. Poi il botto, il rumore del violento impatto con un’auto che ha infranto il silenzio del paese e i sogni di un ragazzo, trasformando un’estate di sole nell’incubo peggiore. Ennesimo incidente lungo le strade dell’Umbria. Mattia Romani, 29 anni di Colombella, è morto ieri in ospedale, dopo le ferite riportate nello scontro. Non c’è stato nulla da fare per il perugino, apparso subito gravissimo ai soccorritori del 118, giunti sul posto.

La tragedia si è consumata ieri, intorno alle 10, lungo un rettilineo all’altezza di un negozio di abbigliamento della zona. Il giovane, in sella alla sua Yamaha "Xt" blu, per cause al vaglio degli agenti della Municipale, si è scontrato con una Smart nera proveniente dalla direzione opposta. L’urto è stato violentissimo. Gli operatori del 118 l’hanno condotto in ospedale in codice rosso, con un grave trauma cranico, mentre la Polizia locale ha bloccato il traffico e ha eseguito i primi rilievi. Dal Pronto Soccorso, il motociclista è stato trasferito al reparto di terapia intensiva del Santa Maria della Misericordia. Ma nel giro di un paio di ore la situazione purtroppo è peggiorata e il 29enne è morto in ospedale.

Resta lo strazio della famiglia e degli amici del ragazzo, sotto choc per quanto accaduto. Rimane da chiarire la dinamica di uno schianto che ha tolto il sorriso a un giovane solare, intelligente e buono, ma anche sportivo e pieno di passioni e interessi. Perché Mattia amava le due ruote, i videogiochi, la musica, il Softair e fare del bene.

Lo ricorda così l’Associazione Volontari Carabinieri in congedo: "Potremmo dire che sei stato un volontario valoroso, generoso e meraviglioso, potremmo dire che sei stato un amico allegro, gentile, amorevole e delicato, ma non riusciremmo mai a descrivere neanche un briciolo della persona splendida che abbiamo avuto la fortuna di avere al nostro fianco".

Soltanto pochi giorni fa, a Ponte Valleceppi, un undicenne ha perso la vita mentre era in bici. "Vogliamo rivolgere il nostro accorato appello a tutti affinché osservino alla guida la massima prudenza - fa sapere il Comune -. Preoccupano il numero e la gravità dei sinistri nell’ultimo periodo. Riteniamo prioritario e necessario un momento di confronto tra tutti i soggetti preposti al fine di individuare le azioni più efficaci per prevenire ulteriori gravi episodi".