Ieri il ritorno in classe anche delle prime medie
Ieri il ritorno in classe anche delle prime medie
PERUGIA Se la tendenza dei positivi resterà questa (cioè molto contenute), lunedì riapriranno quasi certamente seconde e terze medie, mentre per le superiori sembra difficile che si torni in classe. Questo quanto emerso dalla riunione della Giunta regionale di ieri. "Il Piano Scuola al tempo zero...

PERUGIA

Se la tendenza dei positivi resterà questa (cioè molto contenute), lunedì riapriranno quasi certamente seconde e terze medie, mentre per le superiori sembra difficile che si torni in classe. Questo quanto emerso dalla riunione della Giunta regionale di ieri. "Il Piano Scuola al tempo zero funziona e i contagi sotto controllo lo dimostrano", spiega intanto Paolo Emilio Abbritti del dipartimento di prevenzione della Usl Umbria 1, alla luce dei danti dell’ultima settimana sui contagi scolastici. "La valutazione va fatta su Infanzia (0-6 anni) e primaria, dato che le altre sono in Dad – spiega – e i numeri restano bassi. Nell’Infanzia, dove quando c’è un positivo si va tutti in isolamento, ci sono 5 cluster su 21 classi, quindi non c’è evidenza immediata di contagio. Alle primarie invece – continua – solo 4 classi hanno più di un caso, con 18 di esse (371 alunni) in cui dopo il primo tampone sono risultatio tutti negativi e continuano ad andare a scuola. Il secondo verrà ripetuto tra una settimana, ma grazie al Piano invece di avere 475 bambini in isolamento ce ne sono solo 64 che sono quelli delle classi in cui c’è un cluster".

Mentre sta mostrando falle il sistema di tamponi nelle farmacie, almeno a vedere i dati sul comune di Perugia. Dall’inizio della campagna dei test gratuiti sono stati controllati 9764 studenti e 2059 insegnanti. Rispettivamente sono risultati positivi 15 docenti e 86 ragazzi. Ma alla verifica del molecolare solo il 61% di quei 101 è stato confermato positivo.