Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
22 giu 2022

Fuoco da Calvi a Sabbione È già emergenza incendi

Solo ieri in fumo quattro ettari tra zone boschive e coltivate a grano. Le fiamme lambiscono un maneggio e un centro di addestramento per cani

22 giu 2022

Raffica d’incendi si abbatte sul territorio, con un “anticipo“ dei tempi che inevitabimente preoccupa. L’ultimo rogo in ordine di tempo (nella foto) si è scatenato nel primo pomeriggio di ieri nella zona di Sabbione. In fumo è finita un’area di circa quattro ettari, tra zone boschive e terreni coltivati principalmente a grano. Sul posto ovviamente i vigili del fuoco del comando provinciale, che non solo hanno domato le fiamme ma anche impedito che si avvicinassero, in particolare, a due strutture che ospitano animali, un maneggio e un centro per l’addestramento di cani, che insistono entrambe nell’area lambita dalle fiamme. Se l’opera di spegnimento si è rivelata piùttosto rapida nonostante un vento fastidioso che ha parzialmente alimentato le fiamme, lunghe si annunciano le operazioni di bonifica in una zona che, come tutte le altre, risente inevitabilmente della siccità e delle alte temperature che, peraltro, da giorni caraterrizzano il territorio e soprattutto i suoi punti più interni.

Basti pensare che i vigili del fuoco, prima di intervenire a Sabbione, erano stati impegnati per ore nel domare un precedente incendio che si era sviluppato in una zona boschiva nella zona di Calvi dell’Umbria. Per speegnere le fiamme nella serata di lunedì si era reso necessario l’interventi di un Canadair e di un elicottero Ericsson 64. Alle operazioni di spegnimento hanno preso parte le squadre dei vigili del fuoco di Terni, Amelia e Poggio Mirteto (Rieti). Il rogo di Calvi è stato dichiarato spento solo nella mattinata di ieri quando sono cominciate, anche lì, le operazioni di bonifica.

Ste.Cin.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?