Caso-rifiuti, tornano i controlli: "Basta discariche e furbetti. Pronti ad aumentare le sanzioni"

Spoleto, l’anno scorso i verbali per violazioni al regolamento comunale di igiene ambientale sono stati 15 .

Caso-rifiuti, tornano i controlli: "Basta discariche e furbetti. Pronti ad aumentare le sanzioni"
Caso-rifiuti, tornano i controlli: "Basta discariche e furbetti. Pronti ad aumentare le sanzioni"

Per chi non effettua correttamente la raccolta differenziata il 2023 è stato un anno di tregua, ma nel 2024 il comune di Spoleto intende tornare ad intensificare i controlli per garantire igiene e decoro pubblico. Sui social campeggiano sempre più spesso foto e segnalazioni di rifiuti abbandonati o raccoglitori stracolmi di rifiuti indifferenziati, ma per l’anno appena concluso l’amministrazione comunale ha voluto adottare una politica di "tolleranza", soprattutto in considerazione del cambio del sistema di raccolta della differenziata adottato dalla VUS, gestore del servizio. Il cambio dei calendari con i ritiri che sono passati da 7 a 15 giorni ha comportato diverse problematiche alla famiglie che hanno impiegato diverso tempo prima di adattarsi alle nuove modalità di raccolta e quindi l’amministrazione comunale per non rendere ulteriormente difficoltoso il passaggio ha allentato la morsa dei controlli. A parlare sono i numeri perché, secondo il report annuale della polizia municipale, i vigili urbani nel 2023 sono intervenuti per ben 75 volte su segnalazioni dei cittadini. I verbali per violazioni al regolamento comunale di igiene ambientale sono stati 15, mentre sono stati 3 gli accertamenti per abbandono di rifiuti. In un caso per abbandono di eternit è stata anche fatta la segnalazione alla Procura della Repubblica per il reato penale di abbandono di rifiuti pericolosi. Nel 2024, però, il comune è intenzionato a tornare ad intensificare i controlli. A confermarlo è stato anche il vicesindaco Stefano Lisci in seguito alla conferenza stampa di presentazione dei dati 2023 della polizia municipale. Lo stesso vicesindaco però ha anche sollevato un problema relativo alle sanzioni da applicare per coloro che non rispettano il regolamento. Secondo Lisci è opportuno intervenire per modificare il regolamento per la gestione integrata dei rifiuti aumentando le tariffe delle sanzioni che vanno da 25 ad 500 euro. Nonostante la tariffa minima sia così bassa, molti cittadini non hanno provveduto ad estinguere i verbali elevati qualche anno fa. Il comune infatti già da un po’ sta inviando le notifiche di pagamento maggiorate, relative alle contravvenzioni del 2019.